Storyful e la ‘’redazione allargata’’: il giornalismo migliora quando sono in molti a farlo

| 3 settembre 2013 | Tag:, , , , , , , , , , ,

OpenNewsroom

Usando un Google+ group e un account Twitter open, Storyful sta cercando di realizzare, attraverso il crowdsourcing, una ‘’redazione allargata’’ che si occupi in particolare di  verificare i contenuti degli utenti in tempo reale nel corso degli avvenimenti siriani.

 

Su Gigaom Mathew Ingram spiega che l’ esperienza di Storyful mostra cosa è possibile fare ‘’quando smettiamo di pensare a una redazione come a un luogo determinato e cominciamo invece considerarla come un processo aperto’’.

 
 

 

Storyful and the open newsroom: Journalism gets better when more people do it

di  Mathew Ingram

(Gigaom)

 

Si è parlato tanto nel campo dell’ editoria giornalistica del concetto di ” redazione aperta “, uno spazio in cui lettori e cittadini aiutino i giornalisti nel processo di raccolta delle notizie , ma,  con poche eccezioni – tra cui Guardian e ProPublica – gli esempi reali sono stati relativamente rari. Una delle poche aziende che, fra le varie piattaforme, cercano di realizzare l’ idea è Storyful , che ha lanciato il progetto Open Newsroom diversi mesi fa.

 

L’ Open Newsroom, come ha scritto in un recente post Journalism.co.uk.,  è composta da una pagina di Google+ con un numero di iscritti relativamente piccolo – erano 222 la sera del 2 settembre – composto di persone che si sono offerte, volontariamente, di verificare foto, video e altri contenuti che arrivano attraverso i canali dei social media come Twitter, Facebook , YouTube e Flickr . Il direttore generale di Storyful,  Markham Nolan,  dice che l’ azienda ha volutamente limitato il numero di membri per cercare di tenere basso il ‘’tono’’ all’ interno del gruppo .

 

” Stiamo realizzando una redazione aperta , a disposizione di giornalisti ed esperti che condividono i nostri obiettivi . Sarà una comunità di professionisti dell’ informazione che lavorerà collettivamente in tempo reale  per ricostruire il contesto e fare la massima chiarezza attorno ai grandi avvenimenti del giorno. Il nostro obiettivo è quello di sfatare , controllare, chiarire, attribuire e verificare le fonti. Si tratta di un work in progress ” .

 

La verifica è meglio farla collettivamente

 

OpenNewsroomLa principale linea di intervento di Storyful è l’ individuazione e la verifica di foto e video di informazione per varie testate, fra cui soggetti di rilievo, come ABC News e Bloomberg . La società prevede anche la partecipazione di  rappresentanti dei produttori di quei contenuti nelle trattative con gli organi di informazione per la concessione dei diritti. E il fondatore, Mark Little,  ha anche fatto azione di lobbing  per ottenere una “licenza pubblica” per accreditare i suoi citizen-journalist.

 

Anche prima di lanciare la Open Newsroom, la società aveva cercato di ampliare il modo in cui verificava i contenuti dei social media per sfruttare le potenzialità collettive: utilizzando un account Twitter privato  –  Storyful Pro  – dove raccoglieva e diffondeva la gran parte dei contenuti sottoposti a verifica. Lo scorso autunno Little ha deciso di aprire quel processo rendendo pubblico l’ account, perché – ha detto – credeva che il crowdsourcing fosse il modo migliore per affrontare questo tipo di verifica.

 

La Redazione Google+  non è troppo complessa:  è semplicemente un gruppo che si concentra su foto o video che arrivano da social media , come documenti su attacchi missilistici in Siria, cercando di raccogliere via crowdsourcing quante più informazioni possibili. Nolan ha detto a Journalism.co.uk che il gruppo ha già ottenuto un discreto successo in un certo numero di casi , tra cui alcune verifiche in tempo reale di video provenienti recentemente dall’  Egitto. (…)

 

Recentemente la redazione di Storyful ha anche ottenuto una citazione da Brown Mosè , un blogger inglese diventato una celebrità nei social media per la sua abilità nella verifica delle informazioni sulle armi in Siria: un’ abilità che ha sviluppato più o meno da solo, guardando migliaia di video su YouTube e controllando le banche dati pubbliche sugli armamenti militari .

 

 

Costruire una redazione col crowdsourcing

 

Quello che Brown Moses ha dimostrato, sviluppando questo tipo di attività – celebrata anche da giornalisti professionisti come il cronista del New York Times C. J.  Chivers, un ex Marine – è che i citizen journalists, o anche  solo degli spettatori intelligenti,  possono contribuire alla ricostruzione giornalistica di un conflitto come quello in Siria, ed è proprio su questo che si basa l’ idea della Open Newsroom di Storyful.  E’ come una versione crowdsourcing del desk  “user – generated content” della BBC, che fa esattamente la stessa cosa nella redazione della rete britannica.

 

Per molti versi , è anche lo stesso approccio che Andy Carvin ha seguito alla NPR (la radio pubblica americana) quando ha iniziato a raccontare le rivolte della primavera araba in Egitto e Tunisia: riuscire a costruire in zona un gruppo di seguaci di Twitter affidabili – che, come racconta, considerava la sua redazione – per verificare le foto delle vittime , i video dei bombardamenti e altri contenuti . In alcuni casi , Carvin è stato in grado di individuare gli edifici e gli eventi con largo anticipo su organi di informazione tradizionali.

 

Molte redazioni sono felicissime di poter prendere foto e video da fonti del sistema dei social media e utilizzarli nei loro servizi, ma pochi utilizzano queste piattaforme di distribuzione di massa per verificare effettivamente quei contenuti o per inserirli nel relativo contesto – o per accreditare chi li ha prodotti.

 

Storyful – come pochi altri – stanno mostrando che cosa è possibile fare quando smettiamo di pensare a una redazione come a un luogo determinato e cominciamo invece considerarla come un processo aperto .

 

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.