Smart society in Smart cities #digit16

| 5 ottobre 2016 | Tag:, , , , , , , , , , ,

smartsocietyLa cultura digitale deve andare di pari passo con l’evoluzione tecnologica non sono sufficienti le abilitazioni tecnologiche e quelle legislative per avviare il cambiamento, ma contano gli aspetti sociali, culturali e organizzativi. Ecco perché, quello  delle Smart City e Smart Society, non è un tema da affrontare soltanto da un punto di vista tecnologico/legislativo, ma anche ripensando le organizzazioni come sistemi sociali aperti in cui le persone abbiano un ruolo costantemente cooperativo e collaborativo.
Partendo proprio da questioni di ordine sociologico, individuando la necessità di percorsi di cooperazione per la gestione del Bene Comune, il workshop sarà occasione di approfondimento di e formulazione di ipotesi di lavoro su una materia tanto interessante quanto complessa.

slide-5

estratto da: #1 news 2 cents la qualità costa un modello sociale per l’editoria (online)

di Marco Dal Pozzo

Con il punto di vista di chi i quotidiani li legge (dall’altra parte della barricata, quindi), ho iniziato una ricerca con l’ambizioso obiettivo di trovare una soluzione che non guardasse soltanto al mercato. Le conclusioni sono nette: occorre un rovesciamento del paradigma culturale che sostiene (e, al tempo stesso, è sostenuto da) l’ecosistema informativo italiano, almeno per come quest’ultimo è concepito adesso. La proposta, infatti, si basa sulla necessità di cambiare la prospettiva e di cercare, più che un modello di Business (che premia solo gli Editori e le Proprietà), un modello Sociale che rivaluti il ruolo del giornalismo e che metta al centro i Cittadini “.

estratto da: La comunicazione nella società ipercomplessa

di Piero Dominici

La “vera” comunicazione  – quella, cioè, finalizzata alla condivisione della conoscenza che non può che essere orientata verso l’Altro (singolo attore sociale, gruppi, organizzazioni, sistemi etc.) – si configura pertanto come valore assoluto della vita sociale individuale e collettiva, ma soprattutto come vero e proprio asset strategico per tutte le organizzazioni e i sistemi (relazioni internazionali, pubbliche amministrazioni, imprese, Terzo settore, etc.)” .

Marco Dal Pozzo e Piero Dominici ci parleranno a #digit16 di “Smart society in Smart cities”. Il loro wrkshp si svolgerà il 22 ottobre dalle 9,00 alle 11,00 presso la sala Sala Consiglio della Camera di Commercio di Prato. Prenotazioni per giornalisti su Sigef, per tutti su digit.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Leggi o scrivi Se un mattino d'inverno un "giornalista", (Calvino permettendo) prova a digitare su un motore di ricerca a caso la frase: "leggi regionali a sostegno dell'editoria", scopre un mondo. Un […]
  • Il giornalista imprenditore La materia è a dir poco complessa eppure così attuale e stringente da auspicare che il dibattito appena appena abbozzato nell'ultima edizione di digit a Prato il 3 ottobre durante un […]
  • L’unico algoritmo buono è l’algoritmo morto   Lo sapete ci piace scherzare e quindi prendete il nostro titolo come una citazione, un estratto da uno dei nostri film preferiti trasformato ed adattato alle tematiche che […]
  • Di sana e robusta Costituzione Il 2 Febbraio è stata una data importante per noi di Lsdi perché, al lavoro necessario per la costruzione di una coscienza e una cultura digitale, declinato nelle edizioni toscane di digit […]
  • Protezione legale per il giornalismo, non solo per i giornalisti I casi dei redattori dell’ Associated Pressi  e del giornalista di Fox News James Rosen, spiati da uffici governativi Usa, hanno riproposto negli Stati Uniti l’ ipotesi  di una revisione […]

I commenti sono chiusi.