La spesa pubblicitaria sulla TV in Usa resterà stabile fino al 2012

| 5 Marzo 2008 | Tag:,

pubblicità Mentre diversi tipi di media stanno perdendo in Usa segmenti di ricavi pubblicitari a favour dell’ online, la fetta della pubblicità sulla televisione resterà stabile fino al 2012. Lo rileva uno studio della società di ricerca Screen Digest, secondo un rapporto di Brand Republic segnalato da Sfnblog.

Gli investimenti verranno dirottati dai budget di stampa, radio e cinema verso la tv online o digitale nei prossimi cinque anni, sostiene la società nella sua valutazione globale.

In particolare quest’ anno gli investimenti pubblicitari sulla tv resteranno fermi in vista delle Olimpiadi, delle elezioni presidenziali americane e degli europei di calcio. Tuttavia la tv tradizionale perderà risorse a favore dei canali digitali, che dovrebbero crescere del 20% l’ anno. Mentre l’ aumento degli investimenti nell’ online dovrebbe essere dell’ ordine del 17%.  

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Usa: la Tv resta un mezzo potente, ma la pubblicità è in frenata Le stime di eMarketer parlano di un calo nella crescita degli investimenti pubblicitari del 4,2% nel 2009 e di una piccola ripresa nel 2010 – Crescerà la spesa nel settore dei video […]
  • Pubblicità: nel 2007 in crescita del 3,1% in Italia I dati della Nielsen Media Research – Più 1,2% nella tv e più 3% nella stampa, mentre internet registra il record del più 42,7% (ma con un totale di investimenti di soli 281 mln di euro) […]
  • You reporter non abita più qui Qualche settimana fa al termine di un articolo dedicato alla televisione dentro l'era digitale,  ci domandavamo alcune cose. Ve le riepiloghiamo in sintesi per completezza […]
  • Satelliti e frequenze Torniamo ad occuparci di televisione dopo quindici giorni dal nostro ultimo intervento che ha avuto numerosi riscontri. Lo facciamo per aggiungere alcuni passaggi alla  riflessione […]
  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]

I commenti sono chiusi.