Un americano su 5 guarda la tv sul web

| 31 Luglio 2008 | Tag:, , ,

out-52.jpg Uno studio della Integrated Media Measurement , secondo cui il 50% delle persone che guardano la tv online “sembra aver cominciato ad usare il pc come un sostituto della tv”

———-

Un telespettatore americano su cinque guarda i programmi della prima serata online anziché in televisione, in particolare se è donna e lavora. Ne dà notizia la Reuters.

I dati sono al centro di uno studio di Integrated Media Measurement (Immi), una società Usa che si occupa dell’analisi del rapporto tra esposizione ai contenuti dei media e comportamento dei consumatori.

Il 50% delle persone che guardano la tv via Web "sembra aver cominciato ad usare il pc come un sostituto della tv", spiega Imm. L’ altra metà usa Internet per guardare i programmi che non è riuscita a vedere alla tv, o per riguardarne alcuni spezzoni.
"Questo è il primo studio che rivela l’esistenza di una quota significativa di persone che guardano i programmi della prima serata online e non in tv", ha commentato Amanda Welsh, a capo del settore ricerca della società.

Secondo il rapporto, per la maggior parte i " webspettatori" sono donne bianche con un buon livello di istruzione, una buona disponibilità economica e un’ età compresa tra i 25 e i 44 anni.

Le donne — spiega lo studio — sono spesso presissime dal lavoro e dalla vita familiare, e quindi non possono restare vincolate al palinsesto televisivo. Potrebbero quindi non aver tempo di guardare i programmi in tv, cercando di recuperarli online.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • Donald Trump: una serie di (s)fortunate scelte Essendo ormai alle porte quella che da molti è stata definita “l’elezione più importante della nostra vita”, di recente, è solo una la domanda che attanaglia le menti di politologi, […]
  • L’ Huffington Post, Eccebombo, il cazzeggio e lo stravolgimento della privacy Il grosso delle polemiche sullo sbarco dell’ Huff Post in Italia si è concentrato sull’ atteggiamento nei confronti dei blogger (e la sufficienza con cui il suo direttore, Lucia […]
  • Viva la stampa morta e viva Abbiamo questa raccolta di articoli del nostro passato sui cui riflettere e poi ricominciare a pensare e poi dopo riflettere un'altra volta. Scherzi a parte, questa settimana facciamo una […]
  • Generazione tik tok (prima parte) Partendo dai tik tokers, e andando a ritroso fra instagrammers,  followers, o "semplici", web surfers; potremmo scoprire e scoprirci digitali, molto digitali. Molto più digitali di quanto […]

I commenti sono chiusi.