La DTT seconda piattaforma europea di tv digitale

| 2 dicembre 2007 |


I dati dell’ e-media institute – La DTT registrava a giugno del 2007 25 milioni di abitazioni, contro i 37 milioni del satellite – In Italia la penetrazione risulta pari al 17%, a causa del forte rallentamento degli ultimi due anni

————

La Televisione Digitale Terrestre (DTT) è la seconda piattaforma europea di Tv digitale. Al giugno 2007 registrava, nei Paesi dell’Europa occidentale, 25 milioni di abitazioni (nel dicembre 2005, le abitazioni con DTT erano poco meno di 14 milioni). Il satellite ne conta 37 milioni. Cavo digitale e IPTV (la tv via internet protocol) ne contano, rispettivamente, 13 e 4 milioni.

I dati sono contenuti nell’ ultima newsletter dell’ e-media institute.

A fine settembre 2007, in Italia, la penetrazione delle abitazioni con accesso primario al segnale in tecnica digitale terrestre, sul totale abitazioni televisive, risulta pari al 17% circa. Una penetrazione bassa e inferiore alle iniziali aspettative, causata dal forte rallentamento della crescita registrato negli ultimi due anni. In Italia, la penetrazione della DTT potrebbe superare il 50% nel 2010.

PREVISIONI PER IL 2010 – Intanto, sempre secondo l’ e-media institute, alla fine del 2010, quasi tutti i principali Paesi europei dovrebbero registrare una penetrazione della TV digitale vicina o superiore al 90%. Fa eccezione la Germania che vede la TV digitale diffondersi più lentamente a causa della presenza di un forte ambiente multicanale analogico dominato dal cavo.

Secondo le previsioni elaborate da e-Media Institute, l’Italia si collocherebbe attorno all’87% di penetrazione, grazie all’atteso slancio della TV digitale terrestre. Nell’Europa dei cinque (Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna), IPTV e DTT saranno le piattaforme in maggiore crescita con un CAGR (2006-2010) rispettivamente pari al 40 e al 27%.

IPTV-Attualmente si contano nei primi 5 Paesi europei circa 3,5 milioni di famiglie che accedono a servizi di IPTV. Alla fine del 2010 potrebbero essere più di 8 milioni (più della metà delle famiglie che avranno accesso al cavo digitale). L’impatto sul mercato della Pay-TV sarà diverso da Paese a Paese.
e-Media Institute stima che in Francia il 32% del totale abbonati a servizi di televisione a pagamento usufruirà di servizi IPTV. In Italia e UK il mercato sarà più contenuto anche a causa dei ritardi inziali di diffusione della TV su banda larga.

In Italia, sempre nel 2010, le famiglie IPTV potrebbero essere il 10% del totale famiglie che utilizzano servizi di televisione a pagamento.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.