Un algoritmo riesce a prevedere la popolarità di una foto?

| 25 Aprile 2014 | Tag:, ,

Foto1Un ricercatore del MIT di Boston, Aditya Khosla,  ha messo a punto uno strumento che consente di prevedere la popolarità di una immagine, fissandone il valore su una scala da 1 a 10, sulla base di una  ricerca effettuata su 2,3 milioni di foto pubblicate su Flickr.

 

Lo segnala Dailydot.com spiegando che  Khosla e i due suoi compagni di ricerca, Atish Das Sarma (degli eBay Research Labs) e Raffay Hamid (DigitalGlobe), stanno lavorando a un algoritmo che tiene conto di vari parametri, fra cui il contenuto e il contesto sociale delle immagini.

 

Il programma è ancora in fase sperimentale e consente a chiunque di fare una prova (anche se i tempi di elaborazione sono piuttosto lenti).
L’ analisi alla base di questo algoritmo tiene conto dei colori utilizzati, della composizione e del  gradiente dell’ immagine oltre che degli oggetti ritratti. Quindi, secondo i ricercatori, minigonne, bikini, reggiseni e pistole, ad esempio, sono nell’ elenco degli oggetti che producono un “forte impatto positivo”, confermando d’ altronde quello che già sappiamo: sesso e morte sono affascinanti. Basket, panda giganti e ghepardi hanno un “impatto positivo medio’’. Mentre meno fascino riscuotono (ma anche questo era facilmente prevedibile) sturalavandini, cart del golf, spatole o stufe.

 

Foto2

 

Dailydot pubblica una rassegna di immagini (qui sopra) che mostra alcune foto mappate dai tre ricercatori in delle serie che vanno da meno popolare, a sinistra, a più popolare a destra.

 

Gli autori dello studio hanno esaminato anche quale impatto ha sulla popolarità il contesto sociale, analizzando i follower, quante volte le foto sono state viste e per quanto tempo gli utenti sono stati sul social network.

 

Kate Knibbs, l’ autrice dell’ articolo su Dailydot, ha fatto una prova calcolando la previsione di popolarità di una foto del suo cane e di un suo selfie e confrontandole con quella di una immagine di uno dei più famosi rapper del momento, Chuggo. Il risultato è che il punteggio di quest’ ultimo è risultato solo di poco superiore a quello delle prime due immagini. Segno che qualcosa non va ancora nel programma di Khosla& co.

 

Knibbs spiega che lo strumento è ancora in fase di demo e suggerisce ai ricercatori di prendere in considerazione fra i parametri non solo il contesto dell’ immagine ma anche quello del social su cui è pubblicata. Così – dice – diventerebbe sicuramente più preciso, ‘’perché – osserva ironicamente – non c’è modo che Chuggo possa battere il mio cane nella vita reale. Non è possibile’’.

 

Khosla progetta di realizzare in futuro un programma che consenta di ottimizzare le foto in modo da renderle ‘’imbottite’’ di popolarità, ‘’e questo – conclude Knibbs – significa che potrebbe essere il nostro prossimo miliardario di Internet se riuscirà a venderlo bene’’.

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Google o della senescenza digitale Era il 1998 quando io, Sergej e Larry nascevamo. O meglio io nascevo il 4 settembre di qualche anno prima, mentre Larry e Sergej mettevano al mondo Google. Tecnicamente sempre di nascita […]
  • La libertà non è un algoritmo (seconda parte) Torniamo ad occuparci dell'ultimo libro di Michele Mezza "Algoritmi di Libertà", come previsto e anticipato. La seconda e conclusiva parte della nostra riflessione è dedicata agli ultimi […]
  • La libertà non è un algoritmo Qualche settimana fa è uscito per Donzelli editore l'ultimo libro di Michele Mezza "Algoritmi di libertà". Il giornalista televisivo della Rai ora docente all'Università Federico II di […]
  • Algoritmi fantastici e come trovarli Direttamente dall'ennesimo capolavoro  dell'autrice di Harry Potter nonchè mamma di Hermione e di tutto l'immaginario di maghetti e babbani ecco a Voi la  nostra parodia settimanale!!! (ma […]
  • Di fact-checking, di trasparenza e futuro dei media (segnalazioni dal mondo) Passando dall'impossibile ma molto desiderato progetto di fact-checking in Zimbabwe, attraverso la ricerca della trasparenza dei media mainstream con l'individuazione di indicatori […]

I commenti sono chiusi.