Smart City? Diffidare delle semplificazioni

| 16 Ottobre 2012 | Tag:, ,

Non basta mettere qualche palina alle fermate dei bus, innalzare due lampioni con led, attivare qualche punto wireless o fare un po’ di bike sharing. Per diventare smart city bisogna pedalare sul serio, fare un piano strategico, rispettare precisi paramenti, indicati tra l’altro dal portale che l’Unione Europea ha messo a disposizione di tutti, con tanto di classifiche, ranking, algoritmi  

 

Diffidare delle Smart Cities tarocche

 

di Pino Bruno

 

Di open data tarocchi ho già parlato qualche giorno fa, citando quale dovrebbe essere il modello a cui ispirarsi per non vendere fumo ai cittadini. Ora, c’è un altro fantasma che si aggira per l’Italia: le smart cities. C’è sempre un’elezione alle porte, e gli amministratori locali, per farsi belli, hanno deciso di cavalcare anche quest’onda.

 

Open data e smart cities fanno fico, sono trendy, spacciare balle su questi temi può aiutare a intercettare i voti dei cittadini digitali, più smaliziati e aperti all’innovazione  E allora, metto le paline alle fermate degli autobus per far sapere quando arriva il prossimo numero 12 e divento smart city. Faccio innalzare due lampioni con i led, ne telecomando l’accensione e divento smart city. Attivo una rete wireless che copre un isolato e divento smart city. Metto le biciclette in una rastrelliera, faccio bike sharing e divento smart city. Se poi il servizio funziona davvero un mese dopo il taglio del nastro chissenefrega. Tanto ho già fatto la conferenza stampa in ho proclamato la mia smart city. Quale giornalista andrà poi a verificare se tutto va bene?

 

E no, cari amministratori pubblici. Per diventare smart city bisogna pedalare sul serio, fare un piano strategico, rispettare precisi paramenti, indicati tra l’altro dal portale che l’Unione Europea ha messo a disposizione di tutti, con tanto di classifiche, ranking, algoritmi. Il modello è questo:

 

 

Dunque Smart Economy, Smart Mobility, Smart Governance, Smart Environment, Smart Living, Smart People. Non uno o due parametri da soddisfare, ma tutti e sei. Cliccate (dal sito originale) su ogni singolo bottone e leggete di cosa si tratta.

 

 

Scoprirete che per mettersi bene in vista la patacca di amministratore di smart city ci vuole ben altro che una palina da autobus.

 

Diffidare di cialtroni e venditori di tarocchi.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • I dati, la quinta dimensione Secondo incontro mercoledì prossimo 3 luglio alle 18,30 presso il caffè letterario delle Murate a Firenze nell'ambito del ciclo Giornalisti Digitali e Dintorni. Parleremo di Big Data […]
  • Salviamo internet Buongiorno, o buon pomeriggio o ancora buonasera, a seconda di quando vi accingerete a leggere queste mie righe. Mi chiamo Marco Renzi, sono un giornalista, da alcuni anni scrivo su questo […]
  • Festival del giornalismo: una tesi sul tema Enrica Orrù, ex studentessa dell'Università di Genova,  ha realizzato recentemente, una tesi di laurea per il Corso di Laurea magistrale in Informazione e Editoria dedicato ad un argomento […]
  • Come si informano i giornalisti di domani? La risposta a questa tutt'altro che scontata domanda  provano a darsela proprio i giornalisti di domani. Gli studenti del corso di Linguaggio Giornalistico del Prof. Raffaele Fiengo, uno […]
  • Polemiche sul progetto di legge-scudo in Usa, ‘’la sinistra odia la libertà di stampa’’? L’ accusa viene da un blog del sito della destra repubblicana texana, Texasgopvote, che attacca il disegno di legge approvato ieri dalla Commissione giustizia del Senato e si schiera a […]

I commenti sono chiusi.