Facebook potenzia il servizio di riconoscimento dei volti

| 1 Luglio 2012 | Tag:, ,

Facebook ha acquistato, per una cifra sui 55-60 milioni di dollari, Face.com, un’ azienda che fornisce la tecnologia di riconoscimento facciale utilizzata dal maggiore social network per aiutare gli utenti a identificare e a ‘taggare’ le foto.

L’ accordo, secondo  Reuters, punta a potenziare uno dei servizi più popolari – la condivisione e la gestione delle foto -, anche se l’ uso che di questa tecnologia fa FB ha provocato parecchie preoccupazioni sul piano della privacy.

 

 

Né Facebook né Face.com hanno rivelato particolari sull’ accordo, che dovrebbe essere perfezionato nelle prossime settimane.

Face.com, che recentemente ha raccolto finanziamenti per 5 milioni di dollari da vari investitori, fra cui anche un sito di ricerche russo, Yandex, aveva lanciato i suoi primi prodotti nel 2009. L’ azienda produce applicazioni che consentono di identificare foto proprie o di propri amici su Facebook e tecnologie che FB ha integrato nei suoi servizi, per scannerizzare le foto appena inserite dagli utenti, le confronta con i visi delle foto già archiviate e suggerisce i nomi da taggare.

(via ejc)

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • L’odio non è un’opinione Sempre più frequenti e numerosi i discorsi d’odio che serpeggiano nella rete. Nel 2014, l’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) ha registrato 347 casi di espressioni […]
  • Pubblicità in stile Facebook Lo stile Facebook diventa linguaggio pubblicitario. Lo dimostra questo manifesto che pubblicizza in Francia una catena di negozi specializzati in prodotti culturali legati in […]
  • I leader mondiali sono su Twitter, ma la diplomazia non usa ancora i social media Il presidente Obama ha 34,5 milioni di persone che lo seguono su Twitter ma segue a sua volta solo pochissime delle sue controparti internazionali: l’ account del leader russo […]
  • Dopo spettacolo e sport ora Instagram punta alla politica Amato da attori e atleti, Instagram sta ora affinando la sua strategia per coinvolgere una nuova categoria di personaggi che creano contenuti ''celebri'': i politici.   I […]
  • Abbandonare Facebook ? I social non sono mezzi pubblici, sono utilities private. Lo  sostiene Andrew Keen, attualmente in Italia per presentare il suo ultimo libro 'Vertigine digitale. Fragilità e […]

I commenti sono chiusi.