La maggioranza dei PR Usa ritengono la stampa più valida dell’ online

| 8 Agosto 2008 | Tag:, ,

out-152.jpg Secondo una ricerca della società Usa Parker, Wayne & Kent, anche i clienti delle agenzie preferiscono una “copertura” cartacea rispetto a quella online o radiotelevisiva

———-

Più della metà (il 53%) dei professionisti delle Pubbliche Relazioni ritengono che articoli e servizi su carta abbiano un valore maggiore di quelli online. E’ un risultato sorprendente – rilevaKatherine Thompson su Editor’s weblog – visto che, al contrario, la maggioranza dei consumatori indica che l’ online è il mezzo di comunicazione con maggiore capacità di influenza.

In più, non sono sono i PR a preferire la stampa, ma anche i loro clienti. Quasi il 64% dei PR ritengono che i loro clienti preferirebbe una “copertura” cartacea a quelle online e radiotelevisive.    

Secondo un Rapporto realizzato da Parker, Wayne & Kent essi preferiscono soprattutto la permanenza materiale della carta, il fatto che la puoi tenere fra le mani e girare le pagine.

Gli addetti del settore quindi credono fortemente che la carta sia ancora molto rilevante, con solo l’ 11,7% degli interpellati convinti che al contrario la stampa stia perdendo rilevanza nelle campagne.

I risultati della ricerca di Parker, Wayne & Kent’s – conclude Thompson – sembrano in conflitto con un recente studio dell’ azienda di PR Fleishman-Hillard,  secondo cui l’ online sarebbe otto volte più influente della stampa tradizionale e due volte più rispetto alla TV.

(Via Brand Republic )

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Viva la stampa morta e viva Abbiamo questa raccolta di articoli del nostro passato sui cui riflettere e poi ricominciare a pensare e poi dopo riflettere un'altra volta. Scherzi a parte, questa settimana facciamo una […]
  • Il giornalismo non può attendere Speriamo di non annoiarvi proponendoVi spesso questo giochetto di parole nel titolo dei nostri pezzi. L'idea è che se il titolo Vi suggerisce qualcosa o qualcuno, magari di noto o […]
  • Le imprese editoriali nell’era di Internet (sg)     Aggiungiamo un nuovo tassello al nostro lavoro di analisi sugli Stati generali dell'editoria, che si sono tenuti nei mesi scorsi a Roma per volontà dell'ex viceministro con delega […]
  • Nuove categorie professionali nell’editoria: criticità e prospettive (pt1)(sg) L'immagine che accompagna questo pezzo fotografa, a nostro avviso, davvero bene,  alcuni degli elementi centrali del dibattito che abbiamo riassunto e riportato per Voi nelle sue fasi […]
  • Il mondo sta costruendo un suo cervello Parafrasando l'ennesimo slogan pubblicitario del passato torniamo a raccontare l'ultima edizione del nostro festival dedicato al giornalismo (digitale) -  sempre più tra parentesi - che si […]

I commenti sono chiusi.