Meno del 40% del traffico web è dovuto agli esseri umani

| 17 febbraio 2014 | Tag:, ,

Nel magma di Internet i bot non sono una certo novità: commenti, click e altro sono spesso dovuti ad automatismi indipendenti, e non solo per questioni di marketing. Eppure, direte voi, i social media brulicano di umanità e tanti spazi rivelano la presenza di persone in carne e ossa dietro la tastiera. Già ma è davvero così? Siamo proprio sicuri che Internet sia frequentato prevalentemente da esseri umani?

 

Risposta negativa, almeno secondo il portale specializzato Statista, che sintetizza nel grafico qui sotto i dati raccolti dalla piattaforma “cloud” Incapsula.


 
Statista

 

Certo, è strano pensare che appena il 38,5 per cento del traffico web odierno è generato da esseri umani, ma se a quanto sopra aggiungiamo motori di ricerca, strumenti di indicizzazione e aggregatori vari, può diventare plausibile.

 

Il grafico differenzia tra bot “buoni e cattivi”, però i primi battono a malapena i secondi (31 contro 30,5 per cento) e tra questi ultimi abbondano phishing, truffe e spam. Vale la pena di rifletterci e stare in campana nelle nostre interazioni online, e soprattutto….cerchiamo di riprenderci Internet dai robot di ogni tipo!

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • BOT or not? Sperimentazioni giornalistiche Introduciamo un nuovo tassello nella, ormai perenne, caccia al modello di business per l'editoria e ancora una volta incontriamo le sperimentazioni di Besoz. Il Washington Post ha, di […]
  • Giochi Olimpici, giochi mediatici La copertura mediatica delle Olimpiadi sembra un buon campo su cui testare diversi modi di interagire col pubblico. Un'occasione per raccontare un paese lasciando fuori cliches e […]
  • Scimmie e giornalismo Dunque le scimmie sostituiranno i giornalisti? L'intelligenza artificiale che già 7 anni fa era in grado di stilare brevi articoli di giornale negli Usa, in particolare le tabelline dei […]
  • Passione e saperi per la libertà Riceviamo e pubblichiamo con  piacere questo contributo di Michele Mezza in cui viene riassunto in modo chiaro il significato dell'ultimo appuntamento pubblico da noi organizzato e […]
  • La censura strisciante di algoritmi social e news pseudo-personalizzate Bernardo Parrella racconta come negli Usa non mancano progetti che cercano di porre rimedio alle varie forme di censura strisciante (la Filter Bubble descritta da Eli Pariser […]

I commenti sono chiusi.