Internet Festival, grande interesse dal vivo e in Rete

| 8 ottobre 2012 | Tag:, , , , , , ,

Oltre 65 mila persone si sono connesse sui canali ufficiali Youtube, Facebook, Twitter, dirette in streaming e sito della edizione 2012 di Internet Festival, manifestazione internazionale che si è svolta a Pisa da giovedì 4 a domenica 7 ottobre.

Del totale, 30 mila sono stati gli utenti unici del sito www.internetfestival.it di cui 6 mila quelli internazionali; 11.770 i fan della pagina Facebook, che hanno esposto il festival a un bacino potenziale di oltre 4 milioni di persone.

 

Il Festival è stato tra le prime 5 manifestazioni più twittate in Italia (nei quattro giorni dell’evento), raggiungendo il primo posto tra il trending topic già nella giornata di apertura del festival.
Sono questi i numeri “virtuali” della manifestazione pisana che – spiega Mariangela Della Monica in un primo bilancio quantitativo della quattro giorni pisana ha ospitato 400 relatori, impegnati in oltre 150 appuntamenti – di cui 107 incontri, 40 laboratori, 4 mostre – dislocati in 22 location (di cui 12 collegate in diretta streaming su intoscana.it


In occasione dell’inaugurazione del festival, la lectio magistralis di Piergiorgio Odifreddi su Galilei ha fatto registrare 1500 visitatori connessi sui canali in streaming, tra cui quelli del media partner ufficiale www.intoscana.it .
Sono state 200 le applicazioni per smartphone scaricate solo il primo giorno, circa 2000 i check-in registrati su Foursquare e oltre 1000 le foto condivise su Instagram. Durante il periodo del festival 11 mila nuovi utenti si sono registrati alla rete wi fi comunale (Pisa Wifi e Serra).
Pisa è stata invasa da una marea di persone con il sold out della maggior parte degli eventi (3000 tra bambini e famiglie per i laboratori mattutini e 2500 le presenze serali per le 4 “Interviste impossibili”), con una grande affluenza in tutti gli esercizi commerciali del centro.
Tra i dati significativi, l’internazionalizzazione del Festival che, oltre ad aver registrato una forte presenza straniera nelle conferenze sull’alta tecnologia e gli incontri da Galilei a Jobs e alle questioni sulla guerra dei brevetti, ha ospitato relatori provenienti da tutto il mondo, dalla Cina al Brasile, dal Canada alla Francia, dall’Inghilterra agli Stati Uniti.
Grande afflusso allo stand della Regione Toscana dove si sono svolti 1000 colloqui e 500 sono state le tessere sanitarie elettroniche attivate. Sono stati 100 i giornalisti accreditati alla manifestazione (tra tv, blogger, carta stampa, radio e web).
Nella quattro giorni, il Festival ha ricordato Steve Jobs, reso omaggio ad Alain Turing, lo scienziato che inventò l’intelligenza artificiale, si è parlato di musica e di download con Daniele Silvestri e di Internet come fonte di cura ‘open source’ con Salvatore Iaconesi.
Della modernità di Galileo si è fatto ‘portavoce’ Piergiorgio Odifreddi, e grazie alle interviste impossibili di Alessandro Benvenuti, Sandro Lombardi, Elia Schilton e Marco Baliani (oltre 2500 le presenze) la manifestazione pisana ha viaggiato nel futuro.
E ancora, l’Internet Festival ha messo a confronto la Rete con la politica, l’economica, la crisi, la pubblica amministrazione e l’informazione, senza tralasciare la quotidianità delle nuove applicazioni per smartphone.
Tutto esaurito per i laboratori didattici, anche quelli mattutini per ragazzi, mentre i più piccoli hanno potuto divertirsi con le game conference – tra cui quella “Gates vs Jobs. La guerra dei bit”.

 

Il festival ha presentato oltre 10 start-up di giovani under 30, dato visibilità al successo delle webseries, discusso sui limiti della democrazia sul web, sul futuro dei libri, sulle rivoluzioni arabe e la privacy ai tempi dello smartphone. Mentre sono stati proprio i ‘signori’ Wikipedia, Treccani ed Encyclomedia a dibattere sul futuro dell’enciclopedia.

 

Qui gli appuntamenti principali del Festival.

 

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.