Social Media Reporter per Giovanisì! Scade 15 maggio 2019

| 29 Maggio 2017 | Tag:,

Giovanisì Vi offre l’opportunità di svolgere l’attività di social media reporter durante gli eventi del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.  Candidati alla nuova call promossa da Fondazione Sistema Toscana per la selezione di social media reporter che avranno il compito di raccontare sui social, attraverso post, foto, video e stories,  gli eventi promossi  da Giovanisì.

 

La call, rivolta a giovani dai 18 ai 30 anni, è aperta dal 18/5/2017 fino al 18/5/2019.
Ai candidati che saranno selezionati Fondazione Sistema Toscana riconoscerà un contributo spese complessivo e omnicomprensivo dell’ammontare di 50,00 euro (cinquanta/00), nella forma di Ticket Compliments Top Premium che verranno consegnati durante l’evento.

Per candidarsi è necessario compilare il form al seguente link

 

 

LINK sito: qui

INFORMAZIONI [email protected]   tel: 055 4385578. – www.giovanisi.it

SCADENZA: 15 maggio 2019

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Sanremo, twitter e l’hashtag a pagamento Oggi è domenica, i lustrini e le paillettes sanremesi sono già un ricordo, le luci si sono spente sul palco dell'Ariston, i vincitori hanno vinto, i cantanti hanno cantato, gli ospiti si […]
  • Il cuore del potere Quale modo migliore di raccontare l'ultima opera editoriale di Raffaele Fiengo, maestro di giornalismo, professore universitario e co-fondatore assieme a Pino Rea  di questo luogo della […]
  • Second Screen #digit16 La second screen experience è, come viene molto bene definita da Lillo Montalto Molella in un capitolo specifico ad essa dedicato del suo libro “ Real time journalism “,  : << un […]
  • Come cambia il lavoro del giornalista Chi entra in un giornale deve saper fare tante cose, deve saper fare il giornalista: cercare, trovare le notizie, selezionare, costruirsi rapporti con le fonti, sapere dove cercare ma […]
  • L’odio non è un’opinione Sempre più frequenti e numerosi i discorsi d’odio che serpeggiano nella rete. Nel 2014, l’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) ha registrato 347 casi di espressioni […]

I commenti sono chiusi.