Simone Camilli: un giornalista ‘’con gli occhi’’, ma giornalista

| 15 Agosto 2014 | Tag:,

simoneSimone Camilli era un giornalista “con gli occhi”. Esperto, non uno buttato lì per scelta e passione propria senza adeguata professionalità,  o uno che improvvisava. No, era uno che il mestiere, la professione la sapeva fare. Insomma uno con molto cervello e molte scarpe nel senso che “era”  sulle notizie. E raccontava. Un giornalista, insomma.

 
Invece la vecchia mentalità corporativa dura a morire titola “videoreporter”.

 

di Marcello Zinola
 
Non che sia una diminutio, solo, è una delle tante figure nuove o quasi nuove del giornalismo. Poco conosciute, poco amate dai colleghi così attaccati alle loro ormai deboli sicurezze, di una professione che è cambiata.
 
Simone era e rimane un giornalista a tutto tondo. Certo videoreporter, ma giornalista con gli occhi e con il cuore, parole scritte con le immagini che spesso valgono più di molte “articolesse”. Parliamone come giornalista, non come se dire videoreporter fosse qualcosa di diverso.
 
E prendiamo esempio dalla splendida lezione data dal padre di Simone quando ha raccontato chi era Simone. Una lezione sul piano umano. Della dignità.  Mi verrebbe da dire una lezione di giornalismo. Senza retorica.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • Robot o uomini non conta, serve giornalismo Ci sono molteplici scuole di pensiero sull'uso più o meno consapevole delle risorse dell'intelligenza artificiale nel giornalismo. Nella crisi generale della professione, il sentimento che […]
  • A volte ritornano – terzo di tre Come fosse un trittico - a quanto pare lo è - si conclude con questo articolo pescato nel nostro archivio e risalente a ben 14 anni fa, questa serie di "pezzi" sul giornalismo dentro alla […]
  • Curatela, superficialità e ignoranza Essere digitali nel nostro presente non significa certamente essere schiavi o peggio vittime delle continue novità o meglio evoluzioni - o presunte tali -  che la tecnologia snocciola a […]
  • Il contesto La riflessione di questa settimana arriva al termine della lettura di un articolo pubblicato sul sito "scenari italiani" in cui si parla di Elon Musk, di Twitter, e delle decisioni del […]

I commenti sono chiusi.