Americani in fuga dalla tv

| 1 Dicembre 2013 | Tag:, ,

Mortetv

La televisione è stata a lungo un appuntamento centrale  della casa americana, dai primi telegiornali e le partite di baseball del 1930, diventando a poco a poco  un luogo dove le famiglie potevano riunirsi per guardare film, sitcom o canali premium via cavo. Ma ora i cittadini Usa  stanno spegnendo sempre di più i loro apparecchi come dimostrano i dati sul crollo dell’ audience.

 

Craig Moffet e Michael Nathanson, due noti studiosi di media,  hanno annunciato che televisivione, banda larga e telecomunicazioni hanno  perso 687.000 abbonati durante il terzo trimestre del 2013 , con l’ “industria della pay-TV  che quest’ anno ha visto il peggior andamento della sua storia’’.  Durante lo stesso periodo, la  Time Warner Cable ha perso 306.000 abbonati tv.

 

I giovani in particolare si allontanano. I dati della Nielsen mostrano che nella fascia 18-24 anni, gli spettatori hanno guardato una media di 21 ore e mezzo di tv a settimana durante il secondo trimestre del 2013 , un’ora in meno rispetto allo stesso periodo del 2012. E se si fa il confronto con il secondo trimestre del 2011, il calo è stato dell’ 11%.

­

Questa tendenza è stata negata da alcuni addetti del settore. Il CEO di Viacom, Philippe Dauman,  ha detto alla CNBC all’ inizio di quest’ anno che a suo parere la necessità di ‘’tirare la cinghia’’ non era una minaccia. Anche nel pieno della recessione gli abbonati alla televisione via cavo, sarebbero ‘’rimasti stabili “.  Ma non è del tutto vero. Il numero degli abbonati solo alla tv via cavo è calato da oltre 44 milioni nel primo trimestre del 2010 a poco più di 40 milioni nel terzo trimestre del 2013 .

 

Nel 2007 c’ erano circa due milioni di famiglie senza apparecchio tv; entro il 2013 questo numero salirà a cinque milioni . Nielson rileva che le famiglie senza tv sono soprattutto quelle più giovani e composte da single. Alternative come Netflix hanno continuato a crescere, passando da poco più di 20 milioni di abbonati in streaming all’ inizio del 2011 ai quasi 28.6 milioni di abbonati durante l’ estate del 2013. Gli inserzionisti stanno cominciando a inseguire i consumatori,  Gli inserzionisti stanno iniziando a seguire i consumatori  e dirottando dai budget pubblicitari televisivi  ai video online .

 

L’ impatto di questa crescita del movimento ‘’NO-TV’’ non è ancora chiaro. Gli americani abbandonano i modi tradizionali di ricevere notizie e intrattenimento e  si trasferiscono sull’ online dove  chiunque può avviare un semplice sito web. Certo, fare una tv via cavo è diverso, è una vera sfida , e lo dimostra il fatto che Al  Jazeera ha dovuto spendere mezzo miliardo di dollari solo per ottenere l’ accesso alle frequenze che appartenevano a  Current Tv.

 

Il nuovo mondo probabilmente non cancellerà il ruolo della televisione nelle famiglie americane, ma la renderà un concorrente alla pari con Internet e il mondo delle comunicazioni via mobile, che, almeno potenzialmente, possono avere un ruolo di grande diversificazione e democrazia.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • You reporter non abita più qui Qualche settimana fa al termine di un articolo dedicato alla televisione dentro l'era digitale,  ci domandavamo alcune cose. Ve le riepiloghiamo in sintesi per completezza […]
  • Satelliti e frequenze Torniamo ad occuparci di televisione dopo quindici giorni dal nostro ultimo intervento che ha avuto numerosi riscontri. Lo facciamo per aggiungere alcuni passaggi alla  riflessione […]
  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • La televisiùn Enzo Jannacci, poeta, dottore, cantautore, scrittore, autore, comico, e tanto altro, (quanto ci manca), aveva così sintetizzato in una sua canzone la famigerata "scatola dei sogni" che […]
  • Come si informano i giornalisti di domani? La risposta a questa tutt'altro che scontata domanda  provano a darsela proprio i giornalisti di domani. Gli studenti del corso di Linguaggio Giornalistico del Prof. Raffaele Fiengo, uno […]

I commenti sono chiusi.