Come sarà il giornalismo di domani? Un blog cerca di spiegarlo

| 10 Febbraio 2012 | Tag:, , , ,


Come sarà il giornalismo di domani? Se lo chiede anche Faremonotizia , un blog collettivo degli studenti del Master in Giornalismo Walter Tobagi, dell’Università degli Studi di Milano, che prefigura ‘’un modello più moderno di giornalista: con meno privilegi e maggiori responsabilità, davanti a un pubblico sempre più informato e coinvolto’’.


 

”Crediamo che questa professione non sia destinata a sparire – spiega il blog -. Ma che debba cambiare, meglio se in fretta’’.

 

Come? Per ora hanno provato a chiederlo a una serie di giornalisti affermati. Fra cui Luca Telese («Il cronista del futuro? Dovrà trovare le notizie che mancano»), Fabrizio Gatti («Senza inchieste la democrazia sarebbe più povera» ) e Beppe Severgnini («Il segreto sarà l’eccellenza e l’originalità»).

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Profondità e superficie Ogni tanto accade che da queste parti si vada a scavare dentro agli archivi e si propongano contenuti di qualche anno addietro, talvolta anche molti anni, per riprendere segnalazioni, […]
  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • Robot o uomini non conta, serve giornalismo Ci sono molteplici scuole di pensiero sull'uso più o meno consapevole delle risorse dell'intelligenza artificiale nel giornalismo. Nella crisi generale della professione, il sentimento che […]
  • A volte ritornano – terzo di tre Come fosse un trittico - a quanto pare lo è - si conclude con questo articolo pescato nel nostro archivio e risalente a ben 14 anni fa, questa serie di "pezzi" sul giornalismo dentro alla […]
  • Curatela, superficialità e ignoranza Essere digitali nel nostro presente non significa certamente essere schiavi o peggio vittime delle continue novità o meglio evoluzioni - o presunte tali -  che la tecnologia snocciola a […]

I commenti sono chiusi.