Huffington Post: il lettore sceglie il titolo ma non se ne accorge

| 20 Ottobre 2009 |

o

L’ Huffington Post utilizza un sistema curioso per fare un titolo il più azzeccato possibile: la redazione predispone due titoli per ogni articolo e il lettore ne visualizza uno a caso. Dopo 5 minuti di sperimentazione il sistema sceglie come titolo definitivo quello che ha richiamato più utenti al testo del pezzo.

Lo racconta Giuseppe Granieri sul suo Bookcafe.net (‘’L’ intelligenza dietro le notizie’’),  citando quanto scrivono Nieman Lab (How The Huffington Post uses real-time testing to write better headlines), che definisce «diabolicamente brillante» l’ idea, e Fast Company (How The Huffington Post Subtly Crowdsources Headlines).

Granieri dedica una seconda segnalazione alla ‘’scelta (coraggiosa) di Gawker, che mette i suoi lettori in condizione di consigliare notizie, proporre dei memo, eccetera eccetera’’.

Ne parla – precisa Granieri – la Columbia Journalism Review (Gawker Media, Potential-for-Anarchy Edition) definendolo un esperimento a metà tra l’user engagement e l’anarchia editoriale.

‘’Non sembra un giudizio totalmente lusinghiero, ma con queste piccole/grandi innovazioni di processo -in genere- conviene sempre stare a vedere prima di condannare’’.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • CITIZENDIUM: UNA WIKIPEDIA PIU’ AFFIDABILE? Il progetto, ancora in fase beta, prevede severi controlli redazionali sul prodotto dei collaboratori, che dovranno fornire la loro vera identità – Una ‘’comunità responsabile’’ – […]
  • Umani e artificiali (1) La professoressa Paola Inverardi  insegna informatica all'università dell'Aquila. In quella stessa università  è stata anche rettrice per sei anni dal 2013 al 2019. La dottoressa Inverardi […]
  • IL GIORNALISMO INVESTIGATIVO SEMPRE PIU’ MINACCIATO DAI TAGLI Un nuovo allarme da un commentatore del Washington Post pubblicato con rilievo da editors weblog -------------- Riuscirà il giornalismo investigativo di approfondimento a resistere […]
  • DDL GENTILONI: 168 MLN DI EURO DA RAI E MEDIASET VERSO IL MERCATO Uno studio di ItMedia Consulting valuta l’ impatto del provvedimento sul mercato della pubblicità - Lo spostamento effettivo di risorse nel 2009, quando il ddl dovrebbe essere […]
  • Cronache dei processi via Twitter I vertici della magistratura britannica hanno stabilito che email e social network potranno essere utilizzati nel corso delle udienze, fatta eccezione per i processi in cui le notizie […]

I commenti sono chiusi.