Usa: un nuovo sito di ‘giornalismo dei link’ farà concorrenza a Drudge Report e Huf Post

| 14 Settembre 2008 | Tag:, ,

Tina Brown Lo sta per lanciare Tina Brown (nella foto), una stella del giornalismo americano – Si chiamerà The Daily Beast e sarà soprattutto un aggregatore di notizie e di link per orientare gli internauti nelle loro scelte

———-

Una delle stelle del giornalismo Americano, Tina Brown – veterana del New Yorker e di Vanity Fair, si appresta a lanciare ai primi di ottobre (alla vigilia delle elezioni Usa) un novo sito di aggregazione di notizie e di link, per aiutare gli internauti a fare le loro scelte sul web.

Il sito – spiega Mediawatch-Afp – avrà il sostegno finanziario di Barry Diller, padrone del gigante IAC (InterActiveCorp, un grosso congolomerato mediatico Usa). Si inscrive nell’ attuale boom del « link journalism (giornalismo dei link) » e punta a fare concorrenza diretta a Drudge Report ed  Huffington Post.

Si chiamerà « The Daily Beast », un titolo che ricorda le vicende di  « Scoop », il grande romanzo sui corrispondenti di guerra scritto da Evelyn Vaugh nel 1938, e che richiama il gergo delle redazioni angloamericane che devono ogni giorno scrivere « to feed the beast » (per nutrire la bestia).

In occasione della conferenza annuale dell’ Online News Association (ONA) che si è svolta a Washington, Tina Brown ha spiegato che « the Beast », a cui collaboreranno degli ex di Slate,  fornirà i migliori link sul web.

Tina Brown – commenta Mediawatch – ha ripreso l’ espressione più in voga su questa sponda dell’ Atlantico: « curator » of news. Difficile da tradurre. Sarebbe letteralmente il  « conservatore » di un museo. Quello che sceglie le opere che intende esporre. E in questo caso, quindi, le informazioni, i link. Scelte assunte e fatte da redattori e non dagli algoritmi dei motori di ricerca. 

Ma una cosa Tina Brown non ha voluto svelare, il modello economico della Bestia!

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • Visti e sentiti nel 2021 (prima parte) Eccoci arrivati come ogni anno agli articoli di riepilogo di fine stagione. Una summa veloce e senza fronzoli - o forse con ? - del meglio del meglio dell'anno appena trascorso, qui, alle […]
  • Bitcoin di Stato La notizia dell'adozione pubblica, con comunicazione ufficiale, rullo di tamburi, squilli di tromba, e bacio in fronte del Presidente alla dea bendata con tanto di cornucopia, - o forse […]
  • Pezzi sparsi Quello che proveremo a fare oggi è mettere assieme alcuni sprazzi, lampi improvvisi che squarciano il buio. Intuizioni geniali. Chiavi di lettura. Segmenti che hanno un senso, almeno per […]
  • Giornalismo, dati e contagio Le tre T della strategia contro il contagio – tracing, testing, treatment - qui a bottega erano state evocate in epoca non sospetta con delle differenze rispetto a quelle divenute […]

I commenti sono chiusi.