“La censura web in forte crescita”

| 30 Marzo 2008 | Tag:


Su Repubblica.it una intervista a Ron Deibert, direttore del Citizen Lab di Toronto,centro all’ avanguardia nel monitoraggio delle restrizioni online, a cura di Marco Deseriis – Non solo Cina, Iran e Arabia Saudita: sistemi di filtraggio sempre più sofisticati. Ma si evolvono anche i software di difesa

———-

In Access Denied, un volume edito dalla casa editrice del MIT, contenente i dati relativi alle ricerce effettuate nel 2006 in 41 paesi. I risultati non sono certo rassicuranti: “La censura su internet è in crescita sia da un punto di vista quantitativo che per sofisticazione,” spiega Deibert. “Su 41 paesi in cui abbiamo condotto dei test, abbiamo riscontrato varie forme di censura in 26 paesi.
“Quando iniziammo il monitoraggio nel 2000 – aggiunge Deibert – erano pochi i paesi a destare preoccupazioni: la Cina, l’Iran, l’Arabia Saudita e pochi altri. Negli ultimi anni la crescita è stata impressionante. Dal rapporto 2007 ci aspettiamo che siano una quarantina i paesi che esercitano varie forme di controllo sulla rete.”

L’ intervista su repubblica.it.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • La rana che bolle C'è un delizioso saggio uscito nel bel mezzo della pandemia - 2020 - scritto a quattro mani da Maria Pia Rossignaud e Derrick de Kerckhove che si intitola "Oltre Orwell il gemello […]
  • Rider del giornalismo  Parafrasando una battuta di origine incerta, e che noi attribuiamo col cuore,  ad un attore-genio, perduto,  e ad un film che dovrebbe essere inserito d'ufficio nella dieta […]
  • L’unico mercato in città La Cina lavora per arrivare ad essere l'unico punto di riferimento di qualunque mercato del mondo, e lo fa partendo da un mercato interno che già garantisce al Paese orientale di […]
  • Per i giornalisti cinesi speranza di vita di 45,7 anni (contro la media generale di 68,5 anni) Nei giornalisti cinesi l’ aspettativa di vita scende a 45,7 anni rispetto alla media generale che è pari a 68,5 anni. Lo sostiene una ricerca realizzata dall’ Associazione dei giornalisti […]
  • Cina: 250.000 giornalisti a scuola di ‘’giornalismo marxista’’ La teoria marxista del giornalismo è la materia (?) che i 250.000 giornalisti cinesi dovranno studiare per rimettere a punto il loro impianto ideologico, riprendendo familiarità con la […]

I commenti sono chiusi.