I giornali non sono più il centro del mondo: la nuova ecosfera dell’ informazione

| 26 Aprile 2008 | Tag:, ,

Jeff Jarvis Jeff Jarvis (foto) analizza in un ampio articolo su Buzz Machine, il suo blog, come “la stampa” sia diventata in realtà una sfera (press-sphere) in cui è vertiginosamente cresciuta la complessità del sistema informativo – Una notazione chiave: il processo diventa molto più significativo del prodotto perché un articolo, su qualsiasi mezzo di informazione, è soltanto un segmento di una linea, un passaggio dell’ intero processo, e quel processo continuerà anche dopo la pubblicazione

———-

di Jeff Jarvis
(The press becomes the press-sphere,
Buzzmachine.com,
traduzione di Maria Itri)

Uno dei problemi che recentemente ho notato in molte discussioni sul futuro dell’informazione è che sono spesso troppo “stampa-centriche”. Si concentrano sui giornali come se questi fossero il centro del mondo,  come se la stessa informazione, le notizie dipendessero da questo, come se risolvere i problemi della stampa significasse risolvere quelli dell’informazione.

Questo non è l’ecosistema dell’informazione oggi.  Siamo di fronte ad una nuova importante strutturazione dei media e ci sono molti modi differenti di analizzarla. E fino a quando non lo capiremo, non credo che inizieremo a creare nuovi modelli per l’informazione.
Questi disegni semplicistici qui sotto sono un tentativo per iniziare a illustrare il nuovo ecosistema dell’informazione e dei media.

Iniziamo, ovviamente, con la situazione di partenza: le notizie attraverso il filtro della stampa arrivano a noi con poche altre alternative:
Schema Jarvis 1

Questo modello è sostituito oggi da una sfera dell’informazione in cui una qualsiasi di numerose fonti può, grazie ai link, aggiungere elementi ad un articolo e soddisfare il bisogno o il desiderio di notizie e informazioni. La stampa può essere coinvolta direttamente e può creare una servizio. Ma noi potremmo averlo trovato anche grazie ad una segnalazione (“se la notizia è importante, mi troverà”). In entrambi in casi si potrebbe avere fatto riferimento alla fonte materiale di un’azienda o di un sito governativo – che oggi giocano un ruolo informativo nel raccontare il complesso del servizio giornalistico. I testimoni possono avere un ruolo diretto nel processo. Il contesto potrebbe arrivare attraverso i link agli archivi. Le cronache degli osservatori potrebbero aggiungere nuove prospettive. Tutti questi elementi arricchiscono l’informazione.

Schema Jarvis 2

Se invece mettiamo la sfera pubblica al centro dell’universo – che è come dovrebbero essere disegnati questi grafici e come il mondo dovrebbe essere visto, come ognuno di noi lo vede – vediamo quante scelte  abbiamo davanti: la stampa, certo, ma anche i nostri pari, gli altri media, le fonti originali, i link, le aziende, il governo. Queste sono tutte informazioni  e noi interagiamo con esse con gli strumenti che abbiamo a disposizione.

E, ancora, la stampa si pone in una relazione diversa con il mondo attorno.

Schema Jarvis 3

Questo cambia il giudizio su un determinato servizio. L’ idea che entrino le informazioni ed esca un articolo – foto e testo entrano e il giornale esce – nasce dal fatto che c’ è effettivamente un risultato materiale della produzione e della distribuzione, ovviamente. Una storia però ora non inizia e non finisce mai. Ma ad un certo punto dello svolgimento di una vicenda, un giornalista (che lavora in posto qualsiasi) può avere l’ idea e mettere in moto qualsiasi genere di nuovo input. Ma la storia stessa – in qualsiasi mezzo di informazione – è soltanto un frammento di una linea, un passaggio dell’ intero processo, e quel processo continuerà anche dopo la pubblicazione.

Schema Jarvis 4
Mentre stavo parlando con i colleghi del Guardian della loro nuova redazione, ho visto una scritta sull’informazione in rilievo: nella stampa, il processo porta al prodotto, in Rete il processo è il prodotto. Questo ha un impatto su come i giornalisti vedono loro stessi e le loro relazioni con il pubblico. Questo mette in discussione l’organizzazione principale delle redazioni. Solitamente sono organizzate in sezioni – cronaca, economia, sport etc.- o funzioni – redattore, inviato, grafico etc. Anche dopo l’arrivo della rete siamo stati organizzati attorno ai media-cartaceo, online, ecc.

Ma in questa nuova ecologia, penso che le redazioni avranno bisogno di essere organizzate attorno ad argomenti o storie perché la nozione di sezione è sorpassata come il Sistema decimale Dewey . Le storie e gli argomenti diventano molecole che attraggono atomi: giornalisti, testimoni, commentatori e così via aggiungendo differenti elementi per una comprensione maggiore. Chi li fa avvicinare? Non è quasi mai il giornalista. Per ora è il lettore.

Schema Jarvis 5
Certo, questi non sono gli unici cambiamenti nell’architettura dell’informazione.

La settimana scorsa ho partecipato ad una discussione su questi cambiamenti all’Università di New York, che includeva queste idee:
*  La separazione del contenuto dalla presentazione delle pagine Internet significa che il design, la navigazione, il brand e il medium può cambiare e non è necessariamente controllato da un grafico.
*  Anche i feed hanno un impatto – e posso possono ridurre l’importanza – sul packaging  e sulla scala di piorità
*  I reportage dei testimoni riducono a loro volta le possibilità di confezionare le informazioni
*  I links traformano i nostri lettori nei nostri distributori
* Gli aggregatori e i links diventano le nostre nuove edicole
* L’ottimizzazione dei motori di ricerca ci motiva a creare  archivi e rendere i servizi giornalistici più permanenti
* I motori di ricerca riducono il potere delle testate
* Noi ci consideriamo non come proprietari di un contenuto o distributori ma come membri di una rete

(…)

Questi sono i cambiamenti fondamentali sui quali è costruita l’informazione e il mondo che ruota intorno a questa. Per questo parlare dei giornali come se questi rappresentassero tutta l’informazione è limitare la discussione. È una questione molto più complessa. È molto più significativo il processo del prodotto. Non ha limiti di fonti, distributori, commentatori e prospettive.

Quando ripenseremo a questa ecologia dell’informazione, saremo in una posizione migliore per programmare il futuro.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Viva la stampa morta e viva Abbiamo questa raccolta di articoli del nostro passato sui cui riflettere e poi ricominciare a pensare e poi dopo riflettere un'altra volta. Scherzi a parte, questa settimana facciamo una […]
  • Il futuro delle edicole, le edicole del futuro (sg) Cosa dice la regola? Cambiando l'ordine dei fattori il prodotto non cambia. Già nel lontano, lontanissimo se dovessimo adottare i tempi della rivoluzione digitale, 2010,  Pier Luca Santoro […]
  • L’Unità vive W L’Unità Torna in edicola il quotidiano fondato nel 1924 da Antonio Gramsci. Se cercate L'Unità su google  vi uscirà fra le prime voci la definizione di Wikipedia. Alla prima riga si legge, ma […]
  • Quotidiani: agli italiani piacciono molto, ma non abbastanza da comprarli Dieci ‘likers’ per ogni copia venduta: è il record registrato da Il Fatto Quotidiano in un ventaglio dei 60 principali quotidiani di sei paesi - Italia, Francia, Spagna, Germania, Gran […]
  • La carta igienica 2.0? Non sarà di carta Qualche giorno fa il blog francese ‘’Presse sans presses’’ (Stampa senza rotative), che fa capo a ‘Rue 89’, ha pubblicato un curioso apologo del blogger americano Jeff Jarvis che, […]

I commenti sono chiusi.