Datagate: il direttore del Guardian convocato dal Parlamento

| 11 novembre 2013 | Tag:, , , ,

Rusbridger Il direttore del Guardian, Alan Rusbridger, è stato convocato dal Parlamento britannico in relazione alla pubblicazione dei file segreti della NSA fatti filtrare da Edward Snowden, un ex contractor del servizio segreto Usa, e che secondo fonti governative londinesi avrebbero messo in pericolo la sicurezza nazionale.

Rusbridger (nella foto), ha annunciato il quotidiano, comparirà il mese prossimo davanti a un Comitato ristretto della Camera dei Comuni sugli affari interni.

 

Le rivelazioni sulle attività di intercettazione da parte del GCHQ (Government Communication Headquarter) britannico  e la sua stretta collaborazione con la NSA americana, hanno messo in imbarazzo il primo ministro David Cameron e irritato i membri conservatori del governo,m secondo cui le informazioni diffuse dal Guardian avrebbero potuto compromettere la sicurezza nazionale .

 

Le associazioni per le libertà civili sottolineano invece che la vicenda ha dimostrato la necessità di controlli più efficaci sui sistemi di intelligence, mentre i capi dello spionaggio sono stati molto critici sulla loro pubblicazione.

 

” Hanno messo le nostre operazioni a rischio “, ha protestato John Sawers , il capo del MI6 , il servizio segreto estero della Gran Bretagna, intervendo davanti a una commissione parlamentare all’inizio di questa settimana .

 

“E ‘chiaro che i nostri avversari si fregano le mani con gioia e al Qaeda è al settimo cielo” ha detto.

 

Il mese scorso , Cameron ha minacciato di agire per fermare i giornali che pubblicano le soffiate.

 

Rusbridger ha difeso il ruolo del Guardian, osservando che con le sue scelte il giornale ha suscitato nel paese quel dibattito sull’ estensione delle attività di intelligence che i legislatori non erano ancora riusciti a fare.

 

(Reuters)

I commenti sono chiusi.