La Rete non è solo Twitter. Fuori c’ è un altro (grande) mondo

| 12 dicembre 2010 |

Twitter

Sono l’ 8% gli internauti americani usano Twitter e solo il 2% lo fanno con una certa costanza – I risultati di una recente ricerca realizzata da PewInternet

—–

Attenzione, la Rete non è solo Twitter. Al di là del cinguettio c’ è tutto il grande mondo di  internet, non lo dimenticate!

Zombie Journalism, un blog curato da un giovane americano arrivato al giornalismo ‘’proprio quando il giornalismo è stato dato per morto’’, segnala con questa avvertenza i risultati della ricerca realizzata da Pew sugli utenti di Twitter secondo cui solo l’ 8% degli internauti americani usano Twitter e solo il 2% lo fanno in maniera costante.

Quindi  – raccomanda ancora lo zombie-giornalista – poiché circa il 74% degli adulti americani vanno online, questo significa che gli utenti di Twitter sono solo il 6% dell’ intera popolazione adulta.

Quando tutti i tuoi amici, le tue compagne e tutti i media che consumi sono su Twitter può sembrare logico credere che il grosso dell’ America fa lo stesso. Ma è una convinzione pericolosa per i giornalisti e le redazioni.

Anche se penso che sia molto importante per un giornalista usare Twitter – continua -, i media-twitterati si devono scolpire bene in testa queste cose:

  • Twitter rappresenta un piccolissimo gruppo di persone della tua zona.
  • Essere popolari su Twitter non significa esserlo necessariamente anche nella vita reale.
  • I re-tweets, le risposte e le citazioni non rappresentano il principale interesse o la cosa più importante del tuo lavoro di giornalista.
  • Gran parte delle persone che usano Twitter non lo fanno per informarsi.

Tornando alle cifre, la ricerca di Pew – racconta Gigaom – ha rilevato che Twitter è più popolare fra le donne che fra i maschi (10% contro 7%) e fra gli ispanici, i neri e gli utenti giovani metropolitani. Nella fascia d’ età 18-29 anni usano Twitter il 14% degli internauti rispetto al 7% di quelli della fascia 30-49 anni, che è il secondo gruppo più ampio.

La percentuale è del 18% fra gli ispanici e del 13% fra gli afroamericani, rispetto al 5% degli utenti bianchi. L’ 11% degli internauti delle aree urbane e l’ 8% di quelle suburbane twittano contro il 5% di quelli delle zone rurali.

L’ azienda di San Francisco ha annunciato recentemente di avere 175 milioni di utenti (il 65% dei quali extra Usa) e 375.000 nuovi scritti ogni giorno. Il 36% di essi ‘postano’ nuovi tweet ogni giorno, mentre il 41% afferma di farlo ogni poche settimane o di non farlo affatto.

Fra coloro che aggiornano la loro pagina su Twitter, il 72% dicono di scrivere da 1 a 5 post al giorno sulle loro attività quotidiane. Condividendo episodi legati al lavoro (62%), notizie (55%), osservazioni filosofiche o esistenziali sulla propria vita (54%) e ritwittando materiali di altre persone (53%).

I commenti sono chiusi.