El Mundo in Orbyt contro la crisi

| 3 ottobre 2010 | Tag:, ,

MundoContenuti di base gratuiti e valore aggiunto a pagamento – E’ la nuova strategia del quotidiano spagnolo El Mundo che ha messo una sua edicola digitale – Per 14,90 euro al mese offrirà la versione stampata e online del quotidiano e delle riviste del gruppo, archivi, video, una newsletter quotidiana con l’ attualità della giornata, accesso a settori vip per le partite del Real Madridi, e così via – Anche con 26 milioni di visitatori unici il giornale registra, come tutti gli altri quotidiani spagnoli, delle forti difficoltà

—–

In Orbyt contro la crisi. E’ l’ edicola digitale messa a punto da El Mundo che per 14,90 euro al mese propone una serie di servizi: versioni stampata e web del quotidiano e delle riviste del gruppo, archivi, video, newsletter quotidiane che offrono per email l’ attualità della giornata (dalle 8 alle 23), accesso a settori vip dello stadio per le partite del Real Madrid, e così via.

L’ iniziativa è stata illustrata da Inaki Gil, direttore generale aggiunto di (secondo quotidiano spagnolo) alle agenzie di stampa europee riunite nei giorni scorsi a Ginevra.

E’ preoccupante vedere il primo sito mondiale di informazione in lingua spagnola interrogarsi  pubblicamente sul suo futuro parafrasando il famoso dubbio di Amleto: “essere o non essere sul web, questo è il problema”, osserva Eric Scherer su Mediawatch.afp.

Perché, anche se ha 26 milioni di visitatori unici – raggiunti grazie alla Coppa del mondo di calcio e a una crescente popolarità in America latina – El Mundo registra, come tutti gli altri quotidiani iberici, delle forti difficoltà, dovute non solo alla durezza della crisi economica in Spagna.

«Il web è un successo per noi, ma non sul piano economico. Abbiamo conquistato lettori ma Google ha scoperto il mercato!Quanto alla carta, siamo convinti che non riusciremo mai a ritornare al livello di diffusione e di pubblicità raggiuntio prima del 2009”, ha precisato Gil alle agenzie.

«La nostra risposta alla crisi passa attraverso una doppia strategia: contenuti gratuiti e valore aggiunto a pagamento», ha aggiunto, spiegando la messa a punto di  ‘Orbyt’.

L’ iniziativa, che in pochi giorni ha ottenuto l’ adesione di circa 15.000 persone, è stata accompagnata anche da una serie di misure di riduzione dei costi, fra cui riduzione dei salari, tagli al numero degli addetti, diminuzione della foliazione.

Sempre secondo Scherer, il valore aggiunto di El Mundo passerà attraverso dei ‘’ contenuti esclusivi che una elite accetterà di pagare’’: esclusive, approfondimenti di reportage, analisi e commenti, qualità di scrittura, video. ‘’Vogliamo essere un ‘media-finestra’ – rileva Gil -, che aiuta le persone a vedere il mondo (rispondendo alle domande ‘perché e come’) e non un ‘media-specchio’, che si limita a riflettere il mondo (rispondendo alle domande ‘chi, come, quando, dove’)’’.  “Senza di ciò saremmo presto morti!’’. ‘’Tutti i giornali stanno facendo passi indietro in Spagna, visto che le persone non li comprano più nelle edicole’’.

El Mundo, che ha una redazione carta/web di circa 300 giornalisti integrata, vuole continuare a far leva sui suoi elemeti di forza: un punto di vista riconoscibile sul mondo, inchieste e molto giornalismo visuale. Tutti i suoi fotografi sono in grado di riprendere video. Il giornale, creato nel 1996, ha anche il vantaggio della giovinezza: l’ età media dei suoi redattori è sulla trentina.

Gil crede molto anche ai nuovi modi di consumo legati all’ uso dei tablet, a cominciare dall’ iOPad. Ma per il momento il web gli porta solo 8  milioni di euro all’ anno.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.