Cresce il numero di lettori-a-copia per i quotidiani Usa

| 17 aprile 2010 |

giornali

Secondo uno studio di Scarborough Research e Newspaper National Network , negli ultimi 3 anni il numero di lettori per ogni copia di quotidiani diffusi negli Stati Uniti è cresciuto del 7,5%, da 3,07 del 2007 a 3,30 adulti del 2009 – Il dato indicherebbe, secondo il NNN, che “i quotidiani si stanno muovendo in maniera più efficace e stanno ricevendo un buon ritorno per le loro operazioni sul cartaceo mentre continuano ad allargare la propria readership online”

———-

Contrariamente alla convinzione diffusa secondo cui i lettori dei giornali sono diminuiti con la migrazione online, uno studio reso noto  in questi giorni suggerisce che i quotidiani cartacei possono essere considerati ancora più vitali se si fa riferimento a un dato importante: il numero di lettori per ciascuna copia.

La ricerca – un’ analisi della diffusione e della readership di 25 grandi quotidiani americani realizzata da Scarborough Research e dal Newspaper National Network (NNN)  -, ha rilevato infatti che il nunmero di lettori per copia dei quotidiani negli ultimi anni è in crescita, e non in calo. In particolare – secondo quanto riporta Mediapost -, negli ultimi 3 anni il numero di lettori per copia è cresciuto del 7,5%, da 3,07 del 2007 a 3,30 adulti del 2009.

Il dato è significativo per diverse ragioni – aggiunge Mediapost -. Il dato lettori-a-copia è una unità di misura importante perché mostra agli inserzionisti e alle agenzie pubblicitarie qual è la penetrazione del quotidiano.

Si tratta di un elemento rilevante soprattutto “quando il quotidiano si batte per la propria frazione del budget di un determinato brand, specialmente a livello di inserzionisti nazionali”, rileva Gary Meo, vicepresidente della sezione Stampa e media digitali di Scarborough Research. “Più persone leggono una singola copia, più cresce il valore del giornale come mezzo pubblicitario e più aumenta la sua esposizione per gli inserzionisti”.

Jason Klein, presidente e CEO di NNN, sottolinea come questo elemento indica anche che i quotidiani si stanno muovendo in maniera più efficace, e stanno ricevendo un buon ritorno per le loro operazioni sul cartaceo mentre continuano ad allargare la propria readership online”.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.