Cinque giorni solo con Twitter e Facebook

| 21 gennaio 2010 |

Senzagiornali Cinque giornalisti rinunceranno ai canali di informazione tradizionale chiudendosi in isolamento in una fattoria del Périgord, nel sudest della Francia – Un altro esperimento di astinenza a Londra dove un PR appassionato compulsivamente dei quotidiani ha cominciato dal 1 gennaio un anno di vita senza comprare né leggere un giornale – ‘’Ce la farò a sopravvivere?’’

———-

Cinque giornalisti di altrettante radio pubbliche francofone passeranno cinque giorni in isolamento informativo in una fattoria con Twitter e Facebook come uniche fonti di informazione. I professionisti, che lavorano per France Info, France Inter, Radio Télévision Suisse, Radio Canada e RTBF, vogliono valutare – spiega Tele2semaines.fr –  ‘’che tipo di informazione si riceve attingendo da queste reti’’, se le notizie che ricevono siano pertinenti, se si tratta della stessa informazione che avrebbero ricevuto per mezzo dei media tradizionali e come si costruisce la percezione della notizia attraverso questi canali.

L’ operazione ‘’Porte chiuse sulla Rete’’ si terrà dall’ 1 al 5 febbraio . Scenario, una fattoria del Perigord, nel sud-est francese. I cinque terranno un diario su un blog in allestimento su  France Info.

LondraE intanto a Londra Adam Vincenzini, 30 anni, un consulente di relazioni pubbliche, è dal 1 gennaio impegnato in un esperimento che durerà un intero anno: restare completamente a secco di giornali, come lui stesso racconta sul suo blog.

Vincenzini,che si descrive come un lettore appassionato, quasi compulsivo, di giornali ( ‘’I LOVE newspapers. I especially love BRITISH newspapers’’), cercherà di capire se è ‘’in grado di soprsavvivere senza comprare un giornale’’ per 365 giorni e che effetto questa rinuncia potrebbe avere sulla sua attività di PR .

Si può seguire l’ esperimento sul suo blog, ma intanto è interessante e divertente un video che lui stesso ha girato i primi giorni sulla sua crisi di astinenza: qui.

(via 233grados.com)

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.