Murdoch ormai alla testa della strategia per l’ informazione online a pagamento

| 6 giugno 2009 |

Un alto dirigente della News Corp, Jonhatan Miller (nella foto con Murdoch), capo della sezione digitale del gruppo, annuncia che ‘’il futuro sarà nelle news a pagamento’’ e che, a suo parere, ‘’potrebbe funzionare, come è accaduto per le tv via cavo, il metodo dell’ offerta a pacchetti’’

———-

Un’ altra voce importante conferma la netta sterzata di molti editori verso i contenuti online a pagamento e il ruolo di primo piano che in questo settore si è assunto Murdoch: è un alto dirigente della News Corp, Jonhatan Miller, capo della sezione digitale del gruppo, ad annunciare che l’ azienda si appresta a confezionare i suoi contenuti online adottando un novo modello a pagamento.

Lo scrive Hollywood Reporter, aggiungendo che per Miller ‘’il futuro sarà  l’ informazione online a pagamento’’ e che, a suo parere, ‘’potrebbe funzionare, anche se naturalmente bisognerà testarlo, il metodo dell’ offerta a pacchetti’’.
Secondo Miller si tratta di una idea che ha avuto successo con la tv via cavo e che, per alcuni, potrebbe andar bene anche nel settore dell’ informazione, come una alternativa al sistema dell’ abbonamento ai siti di informazione generalista, che invece ha finora fallito.

Parlando a un incontro sul tema del Digital Power, organizzato nei giorni scorsi a New York da Hollywood Reporter, Miller ha confermato anche che la News Corp sta lavorando con alcuni partner per sviluppare un nuovo sistema di supporto per i contenuti digitali (senza però fornire nessun particolare al riguardo).   

News Corp sembra aver ormai adottato una posizione di prima linea sulla strada verso il pagamento dell’ online. Murdoch d’ altra parte ha annunciato il mese scorso che punta a introdurre il sistema a pagamento su tutti i giornali del gruppo nel giro di un anno e uno dei suoi giornali in UK, il Sunday Times, pare sia pronto a farlo al più presto. Fra le testate del gruppo c’ è anche il Wall Street Journal, che ha deciso con successo di far pagare una parte dei suoi contenuti online specializzati.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.