La nuova tv in formato YouTube

| 25 dicembre 2009 |

Fancast Comcast mette su internet i video dei suoi show per assecondare la migrazione dei telespettatori verso i domini digitali – Secondo la Nielsen, infatti, in novembre oltre 138 milioni di persone hanno guardato video online, l’11,4% in più rispetto all’anno scorso – La Paramount lancia un sito di videoediting

———-

di Matteo Bosco Bortolaso

New York – La nuova tv sarà in formato YouTube. Comcast, il gigante del cavo, ha messo su Internet i video dei suoi show, rendendoli accessibili ai soli abbonati. L’espansione telematica, chiamata Fancast XFinity TV, è una risposta alla massiccia migrazione di telespettatori dal tubo catodico ai domini digitali: secondo i rilevamenti della Nielsen, in novembre oltre 138 milioni di persone hanno guardato video online, l’11,4% in più rispetto all’anno scorso.

Chi paga l’abbonamento a Comcast potrà vedere serial e film anche attraverso Internet, sul computer di casa. La scelta dei contenuti è particolarmente ampia: ci sono serie televisive come The Sopranos e The Closer e lungometraggi come Batman – The Dark Knight e Slumdog Millionaire.

Sul web saranno visibili circa 2 mila ore di programmazione da 27 canali offerti nel bouquet via cavo. “A livello interno, noi lo chiamiamo video-nirvana”, spiega Amy Banse, presidente di Comcast Interactive Media secondo cui “se hai comprato contenuti su Comcast, dovresti poterli vedere in ogni luogo e in ogni momento”.

Per il momento soltanto gli abbonati “tv ed Internet” possono far richiesta per aver accesso, tramite speciale password, ai servizi telematici offerti da Comcast. L’azienda, comunque, prevede di allargare l’offerta a tutti i 24 milioni di abbonati “solo tv”. L’anno prossimo, inoltre, ci dovrebbe essere il grande salto ai dispositivi portatili.

Uno dei nodi da sciogliere, però, è l’accesso tramite Internet, che non può davvero essere allargato a “qualunque luogo in qualunque momento”. La paura è che le password vengano passate di mano e a chi abbonato a Comcast non è, rendendo i contenuti web accessibili a chiunque, senza costi.

La migrazione dal cavo ad Internet, comunque, sembra davvero il futuro della televisione: su questa possibilità stanno lavorando anche i concorrenti di Comcast, come Time Warner Cable e Verizon Communications. Time Warner, in particolare, sta sperimentando l’accesso ad Internet degli abbonati televisivi in un programma chiamato “TV Everywhere”.

Un’ operazione simile è stata annunciata dalla casa cinematografica Paramount. Che, di fronte al continuo calo delle vendite di dvd, ha lanciato ParamountClips.com, un sito dove si può cercare una particolare scena di un film, tagliarla a proprio piacimento, comprarla ed inserirla in un video più o meno artigianale. Il costo delle clip dipende dall’uso che se ne vuole fare: esse potrebbero essere ritrasmesse in tv, su Internet o attraverso dispositivi portatili.

Inizialmente l’uso del sito verrà ristretto ad agenzie pubblicitarie e ad altre case di produzione, ma l’obiettivo finale è di aprire ParamountClips agli amanti di videoediting in tutto il mondo.

Leggi anche:

  • TV: VIETATO REGISTRARE ONLINE? Fa discutere le diffida che Mediaset ha fatto a Faucet, il servizio di video registrazione online – ‘’In gioco il ruolo della rete’’ ---------------------- E’ lecito offrire un […]
  • Video: Hulu.com, il rivale di YouTube Il sito è stato realizzato da Fox (Murdoch) e Nbc (General Electric) e trasmetterà gratis anche i Simpson - Un articolo di ITnews --------- Si chiama Hulu ed […]
  • Media: i soldi corrono dove si concentra l’ attenzione Una riflessione di Kevin Kelly su The Technology Review con l' ausilio dei dati sulla “spesa cognitiva” totale su ciascuna tipologia di media - Più Internet continuerà a risucchiare il […]
  • YouTube: 95 video al mese per ogni utente Usa 12,9 miliardi di video visti su YouTube in un mese, per 135 milioni di utenti. In media ogni utente ha visto 95 video di YouTube nel mese di marzo. Sono gli ultimi dati relativi […]
  • Americani in fuga dalla tv La televisione è stata a lungo un appuntamento centrale  della casa americana, dai primi telegiornali e le partite di baseball del 1930, diventando a poco a poco  un luogo dove le […]

I commenti sono chiusi.