‘’Editori, prima di denunciare Google imparate a usare il web’’

| 22 settembre 2009 |

fieg1 Secondo Massimiliano Magrini, ex dirigente di Google Italia, la denuncia presentata all’ Antitrust dalla Fieg sembra ‘’un’operazione pretestuosa, strumentale, per ottenere vantaggi tattici a breve termine”

———-

 “La denuncia presentata dagli editori di giornali della Fieg all’Antitrust per abuso di posizione dominante? Mi sembra un’operazione pretestuosa, strumentale, per ottenere vantaggi tattici a breve termine”.

Lo sostiene Massimiliano Magrini, fino allo scorso luglio country manager di Google Italia, in un’ intervista pubblicata sull’ ultimo numero di ‘Prima Comunicazione, in edicola dal 22 settembre.

Secondo Magrini- che dopo aver lasciato Google ha costituito una sua società a MIlano, Annapurna Ventures -,  invece di prendersela con Google, gli editori dovrebbero imparare a gestire meglio il cambiamento, a usare meglio Internet.

 “Il vero problema non è Google, è l’innovazione tecnologica; sono le tecnologie che trasformano il mondo dei media in maniera radicale. Google si muove nella direzione del cambiamento, ne capisce le logiche e riesce a capitalizzarle. Gli editori no. Gli editori si portano dietro un modello organizzativo e di business consolidato in anni di attività, quindi fanno molto fatica a cambiare. Google invece è una realtà nuova ed ha saputo sfruttare meglio di altri il mutamento di paradigma, favorendo l’innovazione”.

Annapurna Ventures – spiega Prima comunicazione – si propone di fare a Milano quello che i venture capitalist statunitensi hanno fatto nella Sylicon Valley: favorire, grazie all’apporto di capitali freschi, la nascita di nuove aziende nel campo dei media e delle tecnologie. Annapurna, di cui Magrini è amministratore delegato, farà anche consulenza, aiuterà cioè le imprese già esistenti a gestire la transizione al digitale, lo sviluppo su Internet.

“In particolare”, racconta Magrini, “siamo interessati a tutto l’ambito dei media con una base tecnologica, all’utilizzo della tecnologia per aggregare le informazioni creando meccanismi di interazione con gli utenti. Un altro ambito in cui vogliamo lavorare è quello delle ricerche specializzate, della segmentazione verticale dell’informazione”.

I commenti sono chiusi.