Tagliati 2.400 posti nelle redazioni Usa nel 2007

| 14 aprile 2008 | Tag:,

Il logo dell' Asne Il dato è stato fornito dall’ annuale Censimento dell’ American Society of Newspapers Editors – Si tratta di un taglio del 4,4%, che porta l’ insieme dei giornalisti dipendenti a tempo pieno a 52.600 unità – Il Rapporto riguarda solo i giornali e non copre le altre centinaia di tagli imposti i questi primi mesi del 2008

———-

Nel 2007 sono stati tagliati 2.400 posti negli organici redazionali dei giornalisti a tempo pieno negli Usa. La cifra – particolarmente esplosiva dopo i numeri di entità moderata diffusi via via lungo l’ anno – apre l’ annuale Censimento della  American Society of Newspapers Editors . Si tratta di un taglio del 4,4%, che porta l’ insieme dei giornalisti dipendenti a tempo pieno a 52.600 unità.

La riduzione  – spiega  Rick Edmonds , Media Business Analyst, su Poynter.org – rappresenta il più pesante calo occupazionale dopo quello che si verificò in occasione della recessione del 2001.  

Il censimento si ferma al dicembre del 2007 e non copre quindi le centinaia di altri tagli imposti nel corso dei primi mesi del 2008 (il New York Times, il Washington Post e varie altre testate hanno annunciato riduzioni di organico) e non esamina la situazione nelle emittenti radio-televisive e nel web.

I posti di lavoro nell’ online – calcolati quest’ anno per la prima volta – sono stati fissati grosso modo ntorno a 1.700.  

Dalla fine del 2000, le redazioni hanno perso complessivamente 3.800 giornalisti professionisti, pari al 7% dell’ organico.

I commenti sono chiusi.