Un blogger per la prima volta nel sindacato dei giornalisti UK

| 19 novembre 2007 |


La National Union of Journalists (NUJ), il sindacato britannico, ha accettato la domanda di adesione di un giovane studente che lavora da tre anni per Engadget, una delle principali aziende di blogger del mondo, e sta valutando se accoglierne un secondo – Il giovane spiega le motivazioni che lo hanno spinto a chiedere l’ adesione al sindacato

————————–

La National Union of Journalists, il sindacato dei giornalisti britannici,  ha ammesso per la prima volta un blogger come suo membro: si chiama Conrad Quilty-Harper, lavora per Engadget e tiene un suo blog, Spalpeen. E studia storia e scienze politiche.

 
La NUJ New Media mailing list, un forum permanente che si occupa di questioni legate ai new media, sta discutendo sull’ accettazione di un secondo blogger.

Jemima Kiss, una giornalista che cura sul Guardian un blog sui new media, ha chiesto ad Harper di spiegare perché si è iscritto. Queste – scrive Paul Bradshaw  su Poynter.org ) – le risposte.

Conrad Quilty-Harper
Conrad Quilty-Harper

"Primo, penso che la NUJ possa aiutarmi a costruire la mia carriera mettendomi in contatto con i giornalisti britannici e i loro editori.

"Secondo, curiosità. Ho letto Donnacha [un editoriale di De Long, Web 2.0 is Rubbish ( ‘’Il Web 2.0 è spazzatura”, ndr) sulla newsletter nella NUJ, "The Journalist"] e mi ha fatto infuriare, ma ho pensato che era meglio capire dall’ interno perché la NUJ aveva questo atteggiamento nei confronti dei new media piuttosto che scrivere un post incazzato, e quindi ho ritenuto che la via migliore fosse entrare nel sindacato.

"Tre, entrando, pensavo che sarebbe stato un buon contrappeso alle dimissioni di Roy Greenslade  dal sindacato. Francamente, penso che un vecchio giornalista con una carriera consolidata abbia bisogno di un sostegno minimo, mentre un giovane come me con molto interesse ma poca esperienza di giornalismo abbia bisogno di un grosso aiuto per non essere sfruttato dai datori di lavoro. E alcuni recenti articoli di iscritti alla NUJ che illustravano la diffusione della pratica di non pagare per lunghi periodi gli assunti, hanno attirato defintivamente la mia attenzione.

"Quarto, per contribuire a fare qualcosa. Nel sindacato c’ è chiaramente una mancanza di comprensione sul ruolo effettivo dei new media e sui loro benefici. Quasi tre anni di lavoro nella principale azienda di blogging mi hanno dato un notevole grado di esperienza che vorrei trasmettere.

"Quinto, ed è la ragione chiave. Per far felice mia madre. Lei pensa che ora io sono finalmente un vero giornalista".

I commenti sono chiusi.