Facebook: 1,32 miliardi di utenti, il 62% dei ricavi vengono dal mobile

| 24 Luglio 2014 | Tag:,

facebookAnche se solo il 30% dei suoi 1,32 miliardi di utenti vanno su Facebook dai cellulari e tablet, dal punto di vista della pubblicità FB è ormai diventata una azienda che lavora soprattutto per il mobile visto che il 62% dei suoi ricavi pubblicitari vengono dai dispositivi mobili.

 

Lo segnala Ellis Hamburger su The Verge basandosi sui dati diffusi ieri dalla società e  relativi al secondo trimestre 2014, spiegando che si tratta di un cambiamento molto rilevante visto che solo due anni fa FB non aveva introiti pubblicitari dal mobile.

 
The Verge sottolinea anche che, se gli utenti mensili del social network sono aumentati, anno su anno, del 14%, gli utenti da dispositivi mobili siano in aumento a un ritmo del 31%.
 
Secondo Zuckerberg, negli Stati Uniti gli utenti dedicano in media a Facebook 40 minuti al giorno.

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Twitter batte Facebook nella pubblicità su ‘mobile’ Twitter raccoglierà quest’ anno negli Stati Uniti più soldi dalla pubblicità sui dispositivi mobili del suo cugino maggiore, Facebook: lo prevede eMarketer, spiegando che Twitter […]
  • Pace Lungi da noi provare anche solo appena un pò a mettere le mani nella questione mondiale più intricata del momento. Ci riferiamo alla disgraziata aggressione russa ad un paese indipendente […]
  • Generazione tik tok (prima parte) Partendo dai tik tokers, e andando a ritroso fra instagrammers,  followers, o "semplici", web surfers; potremmo scoprire e scoprirci digitali, molto digitali. Molto più digitali di quanto […]
  • Visti e sentiti nel 2021 (prima parte) Eccoci arrivati come ogni anno agli articoli di riepilogo di fine stagione. Una summa veloce e senza fronzoli - o forse con ? - del meglio del meglio dell'anno appena trascorso, qui, alle […]
  • Metaversi e seconde vite Ci è venuta voglia, in questa epoca presente in cui le smanie per il metaverso stanno attanagliando un pò tutti - frequentiamo gente davvero poco raccomandabile, ce ne rendiamo conto  -  […]

I commenti sono chiusi.