La Reuters cambia l’ informazione tv con Insider

| 12 Maggio 2010 |

Reuters-Inside

La Reuters sta cercando di cambiare la televisione. La grande agenzia internazionale ha lanciato un nuovo prodotto, Reuters Insider, un servizio di video sul web che cattura e organizza la miriade di flussi di informazione prodotta dai giornalisti dell’ azienda e dai suoi 150 partner.

Il servizio, che è partito martedì 11 maggio, è una sorta di You Tube del settore finanziario, anche se sarà disponibile solo per gli abbonati, che versano più di 2.000 dollari al mese.

Usando la finestra principale del servizio, che è stata chiamata “Channel One”, gli abbonati possono navigare all’ interno di tutto il materiale aggregato per settore, data, mercato o regione, oppure applicare dei filtri per organizzarsi un proprio canale personalizzato.

La Reuters sta facendo una grossa scommessa su Insider, con un investimento di oltre 100 milioni di dollari.

(via Ejc)

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Internet come arma di classe Il web è’ uno strumento che le classi medie, in particolare, stanno imbracciando contro le elite, e contro i media dominanti, che ne sarebbero l’ espressione? – In Francia si discute su […]
  • C’ è ancora vita dopo la carta stampata Quale sarà il futuro della stampa? – Quali prospettive di crescita tecnica ed economica riserva il Web? - Come si comportano gli inserzionisti? - Come cambiano le redazioni e che […]
  • 2006 ANNO DURISSIMO PER LA STAMPA - Record anche per i rapimenti: 56 in 12 paesi - Iran: Article 19 lancia una campgna contro la censura in Internet - Undici associazioni chiedono giustizia per Anna Politkovskaia - Un […]
  • Law&Disorder: tre testate insieme per fare giornalismo d’ inchiesta Il sito web ProPublica, la tramissione televisiva Frontline e il quotidiano Times-Picayune hanno avviato un innovativo progetto comune, Law&Disorder, per investigare sul […]
  • Internet non distoglie gli americani dalla tv I cittadini adulti Usa passano in media 4,5 ore al giorno (30 ore alla settimana) davanti al piccolo schermo contro le 2,5 ore al giorno (18 ore settimanali) dedicate alla Rete – Una […]

I commenti sono chiusi.