Usa: i giovani amano l’ informazione ma non sui giornali

| 14 Marzo 2008 | Tag:

giovane lettore Il gap generazionale fra i lettori dei giornali continua a crescere in Usa e non ci sono buone notizie per gli editori della carta stampata – Una recente ricerca di comScore conferma una tendenza in atto da tempo – Le implicazioni per le strategie pubblicitarie

———-

(via Bizreport.com )

I giornali devono fare qualcosa di veramente innovativo per “pescare” fra i nuovi lettori e gli editori devono focalizzare i loro sforzi in direzione di due gruppi specifici: i giovani, utenti di internet, e gli anziani, lettori di giornali a stampa.

Una recente ricerca compiuta da comScore ha analizzato un campione di 400 lettori di notizie scoprendo che circa la metà di quelli di età fra i 18 e i 44 anni sono dei forti consumatori di notizie, ma molto pochi fra di essi sono lettori di giornali. A cui preferiscono le fonti online gratuite. In particolare, leggono le versioni online dei loro giornali locali e nazionali così come i blog di informazione e di politica. Anche la tv e i siti web di informazione sono piuttosto popolari.

Anche la generazione più anziana, il segmento di età fra i 45 e i 65 anni, registra forti consumatori di informazione ma il grosso di questo gruppo si informa leggendo i giornali a stampa.

Per i giornali – spiega BIzreport.com – questi dati possono essere scoraggianti e comunque segnalano con forza la necessità di rilanciare e riorganizzare i contenuti che i giornali offrono alla loro readership.

Per gli uomini del marketing tutto questo significa invece che la pubblicità ha bisogno di cambiare, rinunciando a campagne standard e cercando invece di andare in sintonia con i lettori. In pratica quella sui giornali dovrebbe essere pubblicità destinata soprattutto ai lettori anziani. Mentre delle versioni diverse dovrebbero essere realizzate per i siti online.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Viva la stampa morta e viva Abbiamo questa raccolta di articoli del nostro passato sui cui riflettere e poi ricominciare a pensare e poi dopo riflettere un'altra volta. Scherzi a parte, questa settimana facciamo una […]
  • Per Julian (Assange) La prima volta che abbiamo scritto di wikileaks su questo blog è stato 13 anni fa,  in un articolo -  davvero spassoso che Vi consigliamo con gioia di andare a rivedere - in cui fra le […]
  • Lo smemorato di googlandia Ogni smemorato dovrebbe avere la sua Collegno, e oggi nel mondo globale dove il concetto di memoria e di ricordo, sembra essere definitivamente cambiato,  non c'è un posto migliore per […]
  • Buttare il bambino con l’acqua sporca Settimana densa, quella appena trascorsa. Densa di notizie, avvenimenti, fatti e azioni, alcune delle quali discutibili. E proprio perchè discutibili proviamo a discuterne, per non perdere […]
  • Una stampa cinica e mercenaria, prima o poi, creerà un pubblico ignobile Joseph Pulitzer nacque in Ungheria nell'aprile del 1847. All’età di sedici anni, emigrò negli Stati Uniti: solo, senza amici, denaro, e senza sapere l'inglese. Si arruolò subito in […]

I commenti sono chiusi.