Giovani giornalisti si interrogano sul futuro del mestiere

| 25 Agosto 2008 | Tag:

out-115.jpg E’ stata appena lanciata in UK Tomorrow’s News, Tomorrow’s Journalists, una iniziativa per sviluppare un confronto fra giovani professionisti con meno di 30 anni

———-

Journalism.co.uk e il blogger Dave Lee hanno dato vita nei giorni scorsi a un nuovo forum, intotolandolo Tomorrow’s News, Tomorrow’s Journalists: un luogo in cui giovanni giornalisti di tutto il mondo possono condividere le loro esperienze, le loro anise e le loro idee.

Per partecipare – spiegano gli organizzatori – bastano solo due criteri: 1) avere meno di 30 anni; 2) “bloggare” sui temi del giornalismo (vedi l’ introduzione di Dave Lee).

Ogni mese verrà proposto un tema o un problema per la discussione. Le parti interessate possono registrarsi  e contribuire con dei post a un blog  che verrà pubblicato sul sito TNTJ.

Finora – rilevano gli organizzatori – la risposta è stata notevole.

Per altre informazioni ci si può rivolgere a Dave Lee a [email protected] o scrivere a [email protected].

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Profondità e superficie Ogni tanto accade che da queste parti si vada a scavare dentro agli archivi e si propongano contenuti di qualche anno addietro, talvolta anche molti anni, per riprendere segnalazioni, […]
  • Profezie spagnole Prendiamo spunto quest’oggi da un articolo del nostro archivio del 2014. Si tratta di una riflessione, a dir poco, profetica, scritta da un grande giornalista spagnolo,  Miguel Ormaetxea. […]
  • Robot o uomini non conta, serve giornalismo Ci sono molteplici scuole di pensiero sull'uso più o meno consapevole delle risorse dell'intelligenza artificiale nel giornalismo. Nella crisi generale della professione, il sentimento che […]
  • A volte ritornano – terzo di tre Come fosse un trittico - a quanto pare lo è - si conclude con questo articolo pescato nel nostro archivio e risalente a ben 14 anni fa, questa serie di "pezzi" sul giornalismo dentro alla […]
  • Curatela, superficialità e ignoranza Essere digitali nel nostro presente non significa certamente essere schiavi o peggio vittime delle continue novità o meglio evoluzioni - o presunte tali -  che la tecnologia snocciola a […]

I commenti sono chiusi.