IL CELLULARE PUO’ FAVORIRE LA RINASCITA DEI QUOTIDIANI?

| 19 Giugno 2005 |

Il futuro dell’ informazione passa anche per i telefonini
Il futuro dell’ informazione passa anche attraverso il telefonino. Lo segnala qui Foglidistile – riprendendo una notizia di editorsweblog, un blog a cui partecipano i componenti del World Editors Forum Board, di cui fanno parte i direttori e vicedirettori dei maggiori quotidiani nel mondo, fra cui New York Times, The Times, El Pais, La Stampa, Aftenposten, Yomiuri Shimbun.

Il giornale nel telefonino

I quotidiani d’informazione – scrive Fds – stanno perdendo lettori in tutto il mondo. Non solo: studi recenti (negli Stati Uniti, ovvio) hanno stabilito che diminuisce il tempo complessivo (tv, radio, giornali) dedicato all’informazione. Per la carta stampata la situazione sarà particolarmente difficile, perché la televisione ed ora anche l’Internet prendono il posto della carta stampata; con le nuove generazioni la tendenza sembra essere questa.
Ed è proprio partendo dai giovani che si sta pensando a nuove soluzioni per riavvicinarli al mondo dell’informazione, e per trovare altri modelli di comunicazione che garantiscono un’esistenza nel mercato dell’informazione ai giornali sia di carta sia online.
Oggi è la pubblicità che copre gran parte dei costi. Ma sono in molti a pensare che ciò non sia il modo più corretto per garantire indipendenza e completezza dell’informazione.
L’aver imbottito i giornali di pubblicità e di altri prodotti permette di mantenere alti i profitti nell’editoria. Mentre nella realtà dell’Internet il modello dell’informazione a pagamento sta crescendo molto lentamente.
Sembra, quindi, interessante l’invito fatto da più parti ad editori e operatori di telefonia mobile di trovare soluzioni tecnologiche per fornire servizi d’informazione che siano più flessibili alle esigenze dei cittadini, sia quelli che oggi leggono il giornale, sia a quelli che oggi non lo usano.
Il futuro dell’informazione passa anche attraverso il cellulare.
(vedi “Mobile will accelerate the newspaper’s renaissance”, Editorsweblog.org)

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Fase due e giornalismo Cosa c'entra il giornalismo con la discussione principale su ogni bacheca social italica in corso in  questo momento? Sappiamo tutti, o almeno dovremmo, cosa sia la cosiddetta "fase due". […]
  • Un anno di Lsdi (Natale) Come si creano le tradizioni? Non saprei proprio, noi nel nostro piccolo proviamo a crearne una realizzando in questo periodo dell'anno due pezzi antologici che raccontano il meglio o […]
  • LA NET TV E’ FATTA ANCORA SOLO DI ‘PILLOLE’ Secondo una recente ricerca solo il 9% degli adulti americani ha visto uno show completo su internet – Lo studio della Ipsos Insight - Nel 2011 l’ 86% degli internauti dovrebbero vedere […]
  • Giornalisti online: un primo identikit Età media 37 anni, da sei al lavoro sull’ online – Nei siti delle testate tradizionali prevalgono i redattori professionisti, mentre nelle testate “native” pubblicisti e non iscritti […]
  • Libri / La révolution dei colibrì, un reportage online sull’ economia solidale in Francia La révolution dei colibrì - Otto percorsi che stanno cambiando la Francia...e potrebbero contagiare l’Italia è un' inchiesta giornalistica sui modelli di successo dell' economia sociale e […]

I commenti sono chiusi.