I numeri della sanità #digit16

| 27 Settembre 2016 | Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

saluteI dati che riguardano la salute (e l’ambiente) molto spesso non sono facilmente accessibili e se lo sono spesso risultano incompleti. Solo attraverso il lavoro di un giornalista e le competenze tecniche, matematiche, statistiche e di programmazione, di un collettivo di esperti, i dati diventano storie raccontate e visualizzate in modo chiaro.

Il data journalism è un lavoro di squadra, raramente tutte le competenze che servono si riescono a trovare in un’unica persona. Cercheremo di capire cosa significa questo, e attraverso lo studio di alcuni progetti realizzati, come si racconta “la salute dei cittadini di un Paese” attraverso l’uso del “giornalismo dei dati”.

 

Per poter produrre atti di data journalism c’è bisogno di poter avere accesso ai dati, in modo totale e completo, senza limitazioni, e in formato coerente e facilmente utilizzabile. Servono dunque “open data” e conseguentemente “dataset“, verificati e verificabili e scritti dentro database facilmente integrabili dentro le inchieste di data journalism, perchè siano traducibili e rappresentabili nella forma grafica scelta, sia essa una mappa oppure un’infografica.

“Il principio della trasparenza totale degli atti pubblici non nasce negli Stati Uniti, ma in Europa. A Siena, nel Quattrocento, i funzionari pubblici avevano l’obbligo tassativo di fornire a richiesta dei cittadini ogni atto, pena multe pesantissime. E nel Nord Europa risale almeno al Settecento la regola per cui il borgomastro metteva a disposizione dei cittadini una stanza con tutte le carte di qualsiasi opera pubblica, comprese le ricevute di pagamento dei carretti che avevano portato le pietre per costruire una strada”.  (Raffaele Fiengo)

capitaspending041

Dalla collaborazione fra giornalismo e territorio sono nati i media civici. Una risposta ad un bisogno dei cittadini di colmare un vuoto normativo delle istituzioni e dell’informazione. Media dal basso usati per promuovere e amplificare l’impegno civico e per produrre sotto forma di data journalism documenti e  istanze.

 

Di data journalism, dati aperti, media civici e salute parlerà a #digit16 Claudia Dani di Lsdi. Il suo workshop ” I numeri della sanità” è previsto per il 22 ottobre fra le 17,30 e le 19,30 presso la sala Convegni della Camera di Commercio di Prato. Per prenotazioni per giornalisti Sigef, per tutti gli altri digit.

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Applicare il FOIA #digit16 Prima ancora che un problema giuridico, l’applicazione del Foia in Italia costituisce una sfida culturale, per tutti gli attori coinvolti. Certamente si tratta di una sfida importante per […]
  • Open data #digit16 Opendata: se non c'è riuso non c'è utilità". La creazione, gestione e adattamento dei processi relativi ai dati sono il cardine per ogni redazione. La redazione deve intendersi come la […]
  • Mapping for journalist Mapping for journalist. Ovvero come realizzare una mappa, un'infografica, come geolocalizzare i dati di una notizia su un foglio elettronico, meglio su un sito di news. Rudimenti, […]
  • Dig.it / A Firenze per un panel su open data e accesso alle informazioni Il dato è tratto. Il 4 luglio a Firenze parte Dig.it, il primo incontro nazionale dedicato al giornalismo e all’ editoria digitale in Italia. Nel pomeriggio, si terrà un panel dedicato a […]
  • Ultragonzo 2.0: l’ ebbrezza della ipersoggettività in un universo data-centrico Fra qualche giorno, il 25 giugno, si conclude il ciclo (solo il primo?) di Ultragonzo 2.0, un sito che ha rispolverato il cosiddetto ‘’gonzo journalism’’ (Gonzo, nello slang irlandese […]

I commenti sono chiusi.