Forbes, dove i giornalisti sono solo una parte della produzione

| 2 novembre 2013 | Tag:, , , ,

ForbesIl sito web di Forbes – o “piattaforma”, come Lewis D’ Vorkin, uno dei boss della testata, preferisce chiamarlo – , pubblica centinaia di articoli al giorno, alimentati non solo dai propri giornalisti ma da una comunità di 1.300 collaboratori e da un decina di grandi aziende che su BrandVoice – un settore specifico del sito – pubblicano a pagamento dei loro contenuti giornalistici (e per produrli stanno assumendo giornalisti).

 

Parlando nei giorni scorsi a un incontro organizzato al Telegraph, D’ Vorkin – che è responsabile della produzione della testata – ha discusso in dettaglio la strategia dei contenuti del giornale (e qui ne diamo conto con ampiezza), spiegando prima di tutto che, in modo sorprendente, la testata sta registrando un grosso successo di ”long-tail”, con i contenuti ‘’vecchi’’.

Tanto che il 50% del suo traffico mensile è legato ad articoli che hanno almeno 30 giorni di vita.

 

 

“Più contenuti di qualità e più varietà produciamo, più effetti ‘coda-lunga’ registriamo’’, ha aggiunto.

 

Dietro tutto questo, segnala Rachel Bartlett su Journalism.co.uk non c’ è solo la redazione classica, fatta di giornalisti interni.

 

D'VorkinSul sito, oltre ai 45 giornalisti di Forbes, scrivono 1.300 collaboratori e i 12-13 clienti di BrandVoice, grosse aziende come Intel o Virgin America che pagano per far pubblicare storie che promuovono il marchio, il tutto nella ‘’massima trasparenza’’, ha detto D’ Vorkin.

 

Circa il 15 per cento dei collaboratori sono giornalisti: persone “che hanno lavorato per i maggiori quotidiani internazionali e nazionali, per importanti riviste ed emittenti radiotelevisive”.

 

L’ altro 85 per cento è composto da “autori, accademici, esperti tematici, leader economici e imprenditori”.

 

Il senso del nuovo design del sito, lanciato l’ anno scorso, sta nel fatto che tutti – i giornalisti della testata, i collaboratori e le aziende che si rivolgono a BrandVoice – pubblicano per la stessa piattaforma .

 

Tra l’ altro, i contenuti di BrandVoice possono anche ‘’salire’’ verso le sezioni più alte, accanto agli articoli dei collaboratori, se riscuotono successo popolare.

 

Entro la fine dell’ anno altri 15 clienti si aggiungeranno a BrandVoice.

  • I collaboratori

 

I collaboratori lavorano come free lance e questo significa che, quando un loro articolo è apparso su Forbes, gli autori sono autorizzati “a farne ciò che vogliono”.

 

La maggioranza viene pagata: il 60-70% di loro dice di aver guadagnato 45.000 dollari l’ anno scorso, cifra che, come segnala D’Vorkin, è la “paga media per un giornalista degli Stati Uniti” .

 

L’ ammontare dei compensi si basa sulla lunghezza e sul numero di lettori (maggiori particolari in questo Rapporto di Journalism.co.uk).

 

Alla domanda se non vi sia qualche rischio di sensazionalismo con questo modello , D’ Vorkin ha detto che i collaboratori sanno di dover “nuotare nella loro corsia ” , e si adeguano.

 

Il collaboratore firma un contratto ed è tenuto a rispettare un ” codice etico “: impegno che va rinnovato anno per anno.

 

C’ è una procedura di controlli rigorosi per l’ accesso alla collaborazione.

 

L’ aspirante deve inviare delle clip, il curriculum, le referenze, ma in nove casi su 10 viene bocciato.

 

Ma “una volta assunti li lasciamo da soli a premere il pulsante ‘pubblica’ ‘’.

Dare ai collaboratori la facoltà di pubblicare

 

EnterParlando dei rischi legati alla politica di concedere ai collaboratori la facoltà di pubblicare direttamente, D’Vorkin ha descritto internet come “un meccanismo di auto-correzione”, dove gli errori sono spesso indicati velocemente dal pubblico. Mentre quelli tipografici non sono un problema fino a quando vengono rapidamente rettificati , ha detto. Aggiungendo che la ” definizione di qualità nella stampa è diversa da quella nel digitale” .

 

“Nel mondo digitale quello che la gente vuole è tempestività, pertinenza, informazioni interessanti e  precisione. E non c’ è preclusione nei confronti degli aggiornamenti”.

 

La sfida principale che il settore ha di fronte è nel fatto che l’ attuale meccanismo economico ‘’non consente delle grandi redazioni con molti redattori’’, ha aggiunto.

 

 

‘’La responsabilità va spostata verso il produttore di contenuti’’.

 

I collaboratori hanno anche la possibilità di seguire indicazioni sugli impegni di lavoro che gli vengono assegnati ogni 15 minuti.

 

“L’intera redazione è costruito attorno ai dati  “, ha detto D’ Vorkin. “I dati mostrano quali collaboratori sono impegnati in quali settori tematici, quali contenuti stiamo per produrre e il tipo di sponsorizzazione. Spiegano tutto”.

 

Le statistiche aziendali mostrano che “in ogni dato momento ci sono 10.000 articoli di Forbes in fase di lettura” .

 

Il traffico vero il sito ha superato il livello dei 52 milioni di visitatori unici mensili, un dato registrato da Omniture e riferito da Forbes il mese scorso, insieme con la notizia che i ricavi pubblicitari digitali avevano  superato  “per la prima volta” quelli su carta.

 

” I ricavi digitali ora costituiscono circa il 53% dei ricavi pubblicitari totali contro il 47 per cento dalla carta”, spiegava nei giorni scorsi un comunicato stampa, secondo cui “a settembre di quest’anno, i ricavi pubblicitari per Forbes.com sono cresciuti di circa il 27% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno . ”

    I brand

 

Sotto l’ insegna di BrandVoice, le aziende possono pubblicare “contenuti di avanguartdia” .

 

Sono servizi diversi dai redazionali, ha spiegato D’ Vorkin, in quanto non si tratta di contenuti che  dicono tipo ‘’Io ho questo o quest’ altro prodotto/servizio’’. Invece è una piattaforma in cui le aziende possono pagare per far raccontare a delle persone competenti  ‘’quello che sanno sul settore’’ e collegare in modo efficace quella conoscenza alla loro azienda.

 

Alla domanda se questo tipo di approccio potrebbe rendere “meno netti i confini tra giornalismo e pubblicità” , D’ Vorkin ha sottolineato che quei contenuti vengono ‘’chiaramente indicati’’ e sono ‘’pienamente trasparenti’’.

 

I contributi dei collaboratori e delle aziende non incidono sull’approccio editoriale dei redattori, ha aggiunto D’ Vorkin spiegando che ‘’in tre anni nessun giornalista è stato licenziato” .

 

E sembra che i brand stiano prendendo sempre di più la situazione nelle loro mani quando devono esporsi sul piano editoriale.

 

“Intel ha una sua redazione, Virgin America idem, le agenzie di pubblicità hanno le loro redazioni – e stanno assumendo giornalisti “, ha detto.

 

La piattaforma BrandVoice comunque è solo una parte del modello pubblicitario di Forbes. Attualmente rappresenta un quinto degli introiti pubblicitari e per D’ Vorkin il banner online è tutt’ altro che morto .

 

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.