Un nuovo sito web Usa rilancia il movimento per la trasparenza degli atti pubblici

| 2 aprile 2011 |

Foia

Il sito (FOIA Project) promette di denunciare su vasta scala i casi di inosservanza della legge e i nomi dei funzionari che rifiutano in maniera illegale di fornire informazioni – La denuncia pubblica come una nuova forma di sanzione

—–

Un nuovo sito web rilancia il movimento per la trasparenza degli atti pubblici negli Stati Uniti attraverso la denuncia pubblica di quei funzionari che bloccano in maniera scorretta o inappropriata l’ utilizzazione del Foia, il Freedom Of Information Act, che consente ai cittadini americani di ottenere informazioni dalle fonti governative.

Si tratta del sito  FOIA Project, che punta in particolare ad ‘’accrescere la trasparenza del processo con cui il governo Usa nega determinate informazioni’’.

Il progetto – riporta Businessjournalism.org – è stato sviluppato dal Transactional Records Access Clearinghouse (TRAC) con il sostegno della Syracuse University e un finanziamento del CS Fund/Warsh-Mott Legacy.

Il sito spiega:

“Scopo finale del progetto  è denunciare tutti coloro che violano la legge creando un nuovo tipo di sanzioni: una ampia e continua denuncia pubblica per eliminare la cortina di segretezza di fatto dietro cui si nascondono coloro che negano illegalmente la diffusione di informazioni’’.

Inizialmente, il sito renderà pubblici i vari casi di ricorso contro il governo nelle varie corti distrettuali cercando di provvedere nei modi possibili alla raccolta e diffusione dei documenti al centro delle controversie.

Dal sito è possibile accedere al database che contiene i vari casi, Stato per Stato, ma è stata realizzata anche una mappa.

I commenti sono chiusi.