Ping the world, parte un nuovo progetto di editoria partecipativa

| 20 dicembre 2011 |

Ping L’ iniziativa punta a favorire lo scambio e la libera circolazione delle informazioni nel mondo – E’ stata promossa dalla casa editrice digitale Quintadicopertina e realizzata in collaborazione con diverse entità ed individui da tempo impegnati nella tutela dei diritti umani e della libertà di informazione, nel giornalismo partecipativo e in altre attività collaborative, oltre che attivi nell’ambito dei citizen e social media a livello globale

———-

Favorire lo scambio e la libera circolazione delle informazioni nel mondo e fornire un contesto di lettura più ampio degli odierni scenari sociali in cambiamento continuo.

E’ l’ obbiettivo di “Ping the World”, nuovo progetto di editoria sociale digitale partecipativa promosso dalla casa editrice digitale Quintadicopertina e realizzato in collaborazione con diverse entità ed individui da tempo impegnati nella tutela dei diritti umani e della libertà di informazione, nel giornalismo partecipativo e in altre attività collaborative, oltre che attivi nell’ambito dei citizen e social media a livello globale.

Fra i soggetti impegnati nell’ iniziativa, le associazioni Voci Globali, China Files-Report From China, Ashanti Development Italia, il Concorso letterario nazionale Lingua Madre e l’ agenzia letteraria Scritti Erranti.

Inizialmente Ping the World propone due diverse collane, con ebook legati a:

* Informazione dal mondo e citizen media: testi che raccontano esperienze significative di partecipazione e cambiamento, fornendo un quadro di ciò che accade nei singoli Paesi (al di fuori dell’ambito occidentale) tramite le voci dei protagonisti e l’attivismo di base, per comprendere cosa sta cambiando, concretamente, nella vita delle persone e nel contesto sociale anche grazie al diffuso ricorso alle tecnologie collaborative

* Narrativa migrante: brevi testi che propongono un diverso punto di vista su quello che consideriamo ‘il nostro mondo’: storie e narrazioni in lingua italiana, prodotte da autori per i quali l’italiano è una seconda lingua, e un diverso modo di vivere.

Ping the World – spiega una nota – è un progetto realizzato interamente creato e sviluppato in rete:

> La rete di persone, enti e associazioni impegnate nella tutela dei diritti umani e della libertà di informazione, che lavorano a stretto contatto con netizen, giornalisti e narratori nei Paesi di origine.

> La rete di editori, redattori e operatori dell’informazione che raccolgono e verificano fonti, materiali e narrazioni.

> La rete del web e dei social media, collettori di voci e notizie collaborative, convogliate in ebook agili e veloci che contestualizzano al meglio i materiali digitali in circolazione.

Tutti i testi sono disponibili in formato epub, pdf adattato e mobipoket. È possibile scaricare i primi quattro ebook in offerta speciale al costo complessivo di 10 euro.

Per chi volesse sostenere attivamente il progetto, l’edizione speciale contenente tutti i formati dei primi quattro ebook è disponibile al costo complessivo di 20 euro.

Leggi anche:

  • Internet in Italia fa davvero schifo? Qualche riflessione a proposito delle amare considerazioni di Marcello Tansini, il blogger esperto di Ict che, in un post che ha fatto parecchio rumore, denuncia la scarsa qualità […]
  • Facebook punta sempre di più sul giornalismo (social) Facebook punta sempre più apertamente sul giornalismo e, dopo aver aperto una pagina per i giornalisti, ha annunciato a gran voce la nomina di un manager che avrà la responsabilità dei […]
  • Giornalismo e pubblicità.
    Il ‘’muro’’ è destinato a cadere?
    Il management del New York Times ‘’continua a prendere cattive decisioni economiche. E sta rovinando un tesoro nazionale’’. Così si esprimeva all’ inizio di quest’ anno Tom Foremsky, uno […]
  • Blog, opportunità e promesse (realizzate e mancate) Il blog è uno strumento tecnologicamente molto semplice. Può avere varie finalità, dal semplice diario on-line personale alla comunicazione aziendale e giornalistica e può essere […]
  • Abbandonare Facebook ? I social non sono mezzi pubblici, sono utilities private. Lo  sostiene Andrew Keen, attualmente in Italia per presentare il suo ultimo libro 'Vertigine digitale. Fragilità e […]

I commenti sono chiusi.