NON SONO SOLO ‘GIORNALETTI’

| 20 novembre 2006 |

E’ venuta da un blog satirico la segnalazione del video shock di Torino

————-

E’ venuta dal mondo dei blog – in particolare da giornalettismo.ilcannocchiale.it – la segnalazione che ha messo in moto sia le indagini che la macchina mediatica sulla vicenda del video chock nella scuola torinese.

Un particolare che giornali e televisioni hanno trascurato ma che è invece molto interessante perché conferma il ruolo di stimolo che la cosiddetta ‘’blogosfera’’ può avere sull’ agenda dell’ informazione giornalistica. Come hanno rilevato Antonio Sofi e Carlo Felice Dalla Pasqua.

Su piùblog Daniela Candemi Castagnetti racconta come sono andate le cose.

Nei giorni scorsi Gregorj e Loska del blog giornalettismo.ilcannocchiale.it hanno segnalato con insistenza che circolavano in internet due video choc nei quali i compagni di scuola deridevano, insultavano e picchiavano un ragazzo down, persino alla presenza di un’insegnante che in uno dei video appariva, più che rassegnata, del tutto indifferente alla raccapricciante scena.

All’inizio questa denuncia è stata lanciata un po’ in solitudine dai giornalettisti, ma loro non si sono arresi ed hanno insistito.
Ed è scoppiato il caso.(…)

Detto per inciso: essendo Gregory e Loska al secolo anche dei giornalisti, se avessero voluto avrebbero forse potuto speculare ampiamente in prima persona sulla notizia, anziché denunciarla con un oscuro nick attraverso il loro blog. So dunque che per loro la preoccupazione non è certo quella di attribuirsi la paternità ed il merito di questo intervento, e che a questo punto sono comunque contenti così, ma mi sembra utile fare un’ulteriore riflessione su come stia cambiando la comunicazione e su quanto peso stiano assumendo i blog, sebbene nella vulgata comune questi stentino ancora ad assurgere a dignità di vero mezzo di comunicazione.

Persino quando accade che, a un blog di satira, tra uno sfottò ed un altro, scappi anche di essere per una volta avamposto di coscienza civile.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.