INTERNET: FRANCIA, PUBBLICITA’ ONLINE AL 9% DEL MERCATO

| 24 agosto 2006 |

Circa un miliardo di euro nel primo semestre del 2006, con un balzo di +52% in rapporto allo stesso periodo del 2005. Queste le cifre della pubblicità on line in Francia




Documento senza titolo

————————
Circa un miliardo di euro nel primo semestre del 2006, con un balzo di +52% in rapporto allo stesso periodo del 2005. Queste le cifre della pubblicità on line in Francia che – dice nel suo blog Benoit Raphael (qui: http://benoit-raphael.blogspot.com/2006/07/france-le-net-capte-9-des.html) farà riflettere gli editori della carta stampata cyber-diffidenti.

Secondo una recente ricerca, pubblicata dall’ IAB France, “la parte di mercato di Internet negli investimenti plurimedia lordi raggiungerebbe il 9%”, rileva il Journal du Net (qui: http://www.iabfrance.com/index.php?option=com_content&task=category&sectionid=9&id=36&Itemid=59 ).
 

Questi risultati, più esaustivi, completano le cifre pubblicate da TNS (Trans Media Intelligence: http://www.tnsmediaintelligence.fr/intro.htm)  una settimana fa, che  annunciavano una parte di mercato del 7,1% con  748,8 miliono di euro di investimenti on line lordi. Il nuovo studio prende in esameun perimetro più ampio e contabilizza quasi un miliardo (984 milioni) di investimenti per il primo semestre.

L anno scorso la parte del mercato di Internet era del 5,9%, con una crescita degli investimenti lordi del 74% .

Col 9% il Net resta in quinta posizione, parecchio lontano dalla carta stampata (compresi i periodici) col  33,7% del mercato e la televisione (29,3%), ma supera la stampa nazionale.

I siti che registrano gli investimenti lordi più rilevanti sono I motori di ricerca (25%), I fornitori di accessi a internet (22%) e i siti di informazione di attualità (14,5%). Ma le due prime categorie hanno ridotto la loro parte di mercato (47% contre 64% en 2005).

Secondo l’ IAB (Interactive advertising bureau: http://www.iabfrance.com/) , “saranno le  PMI che costituiranno il prossimo bacino di crescita. Disponendo di un budget minore, il Web rappresenterà per loro una reale pportunità”.
D’ altra parte I siti Internet conoscono una crescita del 20% dall’ inizio dell’ anno  (+5,4 tra maggio e giugno 2006).


Leggi anche:

I commenti sono chiusi.