Centri per migranti: una data-inchiesta ne mette a nudo le drammatiche criticità

| 19 Maggio 2014 | Tag:, ,

Migranti-cop«Illeciti e irregolarità nell’ erogazione del “pocket money”, la paga giornaliera ai richiedenti asilo, nell’ impiego di mediatori culturali, interpreti e psicologi. E poi mancato rispetto delle procedure legali da parte di molte questure, come nel caso di quelle di Roma, Caltanissetta e Crotone che non rilasciano il permesso di soggiorno per richiesta d’ asilo allo scadere dei 35 giorni di permanenza nel centro. E ancora, un quadro impietoso e desolante degli alloggi in cui i migranti, in particolare i richiedenti asilo, sono costretti a vivere, da Gorizia a Trapani.»

 

È quanto emerge da un rapporto riservato rimasto nei cassetti del ministero dell’Interno, mai reso pubblico, di cui Repubblica.it è entrata in possesso.

Su quella base la testata ha realizzato un’ inchiesta interattiva, affrontando il fenomeno degli sbarchi irregolari in Italia ma concentrandosi soprattutto sui centri per migranti che versano in condizioni drammatiche tra illiceità e disumanità.

 

I dati per fare chiarezza

 

Sono settimane che si sente parlare di emergenza migratoria. Tuttavia, dati alla mano, le mappe e i grafici di Repubblica fotografano un fenomeno strutturale, e non già emergenziale, noto alle autorità competenti ormai da anni.

 

Migranti1

 

In particolare, viene fotografato l’ ultimo tratto del lungo viaggio che porta migliaia di migranti in Italia, individuando nella Libia il principale Paese di partenza dei cosiddetti barconi, e nella Sicilia la prima e quasi esclusiva regione d’approdo. Le mappe consentono di accedere alle principali informazioni relative a ciascun Paese di partenza e ciascuna regione d’arrivo attraverso apposite finestre informative.

 

Il cuore dell’ inchiesta riguarda cosa avviene dopo gli sbarchi, ovvero il malfunzionamento cronico del sistema di accoglienza ed espulsione dei migranti che sbarcano in Italia, incarnato nella mala gestione dei centri governativi.

 

Un percorso interattivo tra i singoli centri attualmente in funzione ne mette a nudo criticità strutturali, gestionali e amministrative: il quadro che ne emerge è “impietoso e desolante”, specie se si considera che – nonostante le informazioni in possesso delle autorità responsabili – nulla è stato fatto per provare a sanare una situazione inaccettabile che lede i diritti umani e costituzionali degli “ospiti”, così come vengono amaramente definiti i migranti contenuti nelle strutture dello Stato.

 

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Per Mimmo (Lucano) Partiamo dalla fine: il sindaco di Riace  Domenico Lucano detto "Mimmo" è stato condannato dal tribunale di Locri a 13 anni e due mesi di carcere e a pagare un'ammenda di ca. 750 mila […]
  • Liberate Gabriele Del Grande #iostocongabriele Chi ci segue sa che non siamo un sito di breaking news e che anzi preferiamo prenderci tutto il tempo possibile per riuscire a riflettere a fondo anche su notizie impellenti e importanti […]
  • Narrazioni migranti di Leila Zoia     Se una musica può fare...immaginiamo quello che può fare un film, un libro, un fumetto, un'infografica...nel promuovere un'informazione "altra", o […]
  • Media e immigrazione. Tra luoghi comuni, xenofobia e diritti negati (ai cittadini e ai giornalisti) Secondo varie ricerche i media italiani promuovono la creazione di una ‘coscienza multirazzista’ piuttosto che l’ auspicata ‘coscienza multirazziale’ alla base del processo di […]
  • UN PO’ DI UMILTA’, PLEASE La grande bufala dei minatori dati per morti ha nuovamente svelato la presunzione dei giornali di carta e il timore di ammettere i limiti che la realtà impone anche a grandi testate. […]

I commenti sono chiusi.