Pubblicità: editori britannici vendono spazi collettivamente

| 8 Aprile 2011 |

Uk

Con una decisione senza precedenti, alcuni editori britannici della carta stampata, tradizionalmente in forte concorrenza fra loro, si sono accordati per vendere insieme gli spazi pubblicitari. Per la prima volta – spiega Ejc.net – stanno infatti offrendo agli inserzionisti dei pacchetti collettivi legati al torneo di tennis di Wibledon, in programma a giugno.

La soluzione promette la presenza su alcune delle maggiori testate del paese, fra cui The Guardian, The Times, Daily Telegraph, The Independent, The Sun, Daily Mail, Daily Mirror e le loro edizioni domenicali.

I vari giornali hanno problemi e strategie diverse – ha spiegato Simon Kilby, direttore vendite di Guardian News & Media -, ma è da tempo che stiamo lavorando per realizzare iniziative analoghe.E’ probabile che questa legata a Wimbledon diventi un banco di prova in vista delle Olimpiadi di Londra del 2012.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • ‘Estreme’ le condizioni di precarietà nell’ informazione online Per una carta dei diritti-doveri del giornalismo e dell’ editoria sulla Rete  ---------- di MarcoRenzi Scrivere nel mestiere del giornalista conta molto, ma non è tutto. Più […]
  • Tv: la CNN dà “Potere al popolo” La grande emittente televisiva Usa sta lanciando iReport.com, un nuovo sito costruito interamente con video e materiali degli utenti – I contenuti degli internauti non saranno più […]
  • Se i giornalisti fanno lezione ai blogger Negli Usa la SPJ (Society of professional journalists) ha organizzato dei seminari di formazione al giornalismo destinati ai blogger nell’ ambito di una Accademia del “citizen […]
  • Per chi studia giornalismo Una lunga ma anche breve storia di tweet. Una sequenza di segnalazioni che proveremo  ad approfondire un poco mettendoli uno accanto all'altro. Per onorare con un piccolo tributo uno […]
  • L’ 89% delle mail sono spam Ogni giorno vengono inviati 106 miliardi di messaggi spazzatura mentre le società che mandano più di 50.000 mail al mese è salito dal 40% nel 2007 al 60% nel 2011 – Le mail come […]

I commenti sono chiusi.