La crisi dei media brucia quasi 2.000 posti di lavoro a Madrid

| 27 Gennaio 2010 |

Madrid

Tira brutta aria anche in Spagna nel campo dell’ editoria e della professione giornalistica. Secondo i dati dell’ Observatorio della crisi messo a punto dalla Asociación de la Prensa de Madrid (APM), alla data del 19 gennaio erano 1.845 i posti di lavoro persi nei mezzi di comunicazione madrileni dal giugno 2008, quando vennero avviate una serie di pesanti ristrutturazioni.

Negli ultimi tre mesi – aggiunge l’ APM – sono andati in fumo 333 posti di lavoro: non si tratta comunque solo di giornalisti, ma an che di tutti gli altri impieghi nei settori dell’ amministrazione, della pubblicità, della stampa, ecc. E il numero sarebbe destinato ad aumentare se si contassero anche gli addetti delle riviste professionali e quelli degli uffici stampa e comunicazione.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Ora le foto usate anche come stencil Su Fotografia&informazione Marco Capovilla denuncia l’ utilizzo sempre più ‘’riempitivo’’, ‘’decorativo’’ delle immagini, fino a farle sembrare come dei semplici fregi – Il caso di […]
  • Il diritto rende il web un posto migliore Il tema dei diritti nell' Internet è in questo periodo quanto mai attuale: pensiamo alla questione del diritto all' oblio-Google e alla consultazione pubblica sulla bozza di "Dichiarazione […]
  • Informare online senza essere querelati Nell'ultima edizione di digit si è parlato di come realizzare un sito di informazione dal punto di vista degli strumenti tecnologici da utilizzare e di come farlo senza incorrere in […]
  • L’ INFORMAZIONE NEI PROGRAMMI ELETTORALI: UN’ ANALISI DELLA ‘VOCE.INFO” ''Nemmeno una riga da parte della Cdl - In quello del centrosinistra molti argomenti condivisibili, ma forte ambiguità sulla privatizzazione della Rai'' ----------------- ‘’Al tema […]
  • Media: il grande Mashup del 2011 In un paesaggio mediatico che appare colpito da un terremoto seguito da uno tsunami, sembra prevalere la contaminazione e la fusione dei media e delle piattaforme – Sul New York Times […]

I commenti sono chiusi.