I nuovi militanti dell’ informazione “positiva”

| 5 Maggio 2010 |

BonneNouvelle

Così titola su Journalisme.info Fatna Messaoudia un articolo in cui racconta come l’ informazione “positiva”  stia cominciando ad invadere il paesaggio mediatico. Almeno in Francia. Sulla piattaforma dei blog di leMonde.fr  è nato infatti “Bonne nuovelle” ( “Buone notizie” diremmo noi), che ne ha fatto il suo tema principale.

Lo hanno creato e lo curano due giornalisti, Antoine Blin e Mathilde Serrel, impegnati a raccontare al mondo un nuovo scenario, con titoli e articoli su argomenti c ome “La rivista erotica per i ciechi”, o “Delle autostrade per le biciclette” oppure “I patiti del baffo”.

Certo la nostra non è una informazione “essenziale” – spiega Serrel in una intervista a Journalisme.info -. Il nostro blog è un piccolo elemento di un sito di informazione molto ampio, dove l’ essenziale è largamente trattato. Noi non facciamo altro che mettere sul tavolo un po’ di luce, un punto di vista, un tocco di ottimismo. Non siamo un media globale, ma un blog!

Quanto all’ eventuale futuro dell’ informazione “positiva”,  e alla possibilità che possa trovare anche un modello economico sostenibile, “a ciascuno il suo lavoro”, osserva Serrel.

“Noi scriviamo delle notizie, non creiamo dei modelli economici. E spero bene che ci sia un futuro per l’ informazione positiva, se no staremmo freschi. L’ essere umano ha una immaginazione che non si prosciugherà mai, vorrà sempre abbellire il proprio orizzonte e ci saranno sempre dei giornalisti per realizzare iniziative del genere.

Ma c’ è anche chi punta  a farne un modello economico. Il sito ecologista Néoplanète, per esempio. E gli auguro buona fortuna”.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Strumenti e risorse utili per il giornalismo diffuso Per favorire la diffusione dei new media e del giornalismo partecipativo non c'è nulla di meglio che rilanciare le informazioni di base per l'operatività sul campo. È quello che va […]
  • Gli allarmi per la democrazia spesso un alibi per conservare il dominio sui media L' argomento della libertà di espressione viene spesso usato come fumo negli occhi, a vantaggio dei proprietari dei media – Un articolo di Serge Halimi, direttore di Le Monde […]
  • Internet si tinge di grigio La rete non è più solo per i giovani – Una ricerca del Pew Internet and American Life Project diffusa da e-Marketer dimostra che gli ultra75enni americani che vanno oline sono ora il 27% […]
  • 25 comandamenti per i giornalisti Mettiamo da parte per un attimo le catastrofiche e deprimenti previsioni sulla ‘’morte’’ del giornalismo e immaginiamo che il mestiere continuerà ad esistere e ad avere delle sue buone […]
  • La scomparsa dell’ utente medio Un tempo – spiega Frédéric Filloux su Monday Note - la struttura dei media portava ad una distribuzione equa delle entrate, a prescindere dai contenuti e dagli utenti. Ma ciò non è […]

I commenti sono chiusi.