Meno 24% la pubblicità sulla carta in Italia nei primi 8 mesi del 2009

| 10 Ottobre 2009 |

fcp

La pubblicità sulla stampa in Italia è calata del 24% nei primi otto mesi di quest’ anno rispetto allo stesso periodo dell’ anno scorso. Lo annuncia la Federazione delle Concessionarie di pubblicità (FCP).  

I quotidiani in generale hanno registrato una diminuzione di fatturato del -20% ed  una diminuzione degli spazi del -5%.

Nel settore dei quotidiani gratuiti il calo è del 28% nel fatturato e del 20% nello spazio.

I periodici in generale registrano un calo dei ricavi del 30% e una diminuzione degli spazi parti al 22%

Nei settimanali, in particolare i ricavi calano del 29% e gli spazi del 1%

Per i mensili si registra una diminuzione di fatturato del 32% e un calo degli spazi del 27%.

Anche nelle altre periodicità, flessione sia del fatturato (-17%) che degli spazi pubblicitari (- 22%).

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Una giornata su Facebook di un internauta Usa Gli internauti americani dedicano a Facebook più tempo che a qualsiasi altro sito. Non solo FB è il secondo in classifica come audience, preceduto solo da Google, ma sorpassa di gran […]
  • Troppi spot occulti nel mondo del fotogiornalismo Il problema degli spot occulti, ora d'attualità per le note vicende Rai, è da anni sempre più presente anche nel fotogiornalismo. La denuncia è arrivata oggi dai due fotogiornalisti […]
  • Giornali: in Italia sono fatti “troppo bene” Lo sostengono gli editori della Fieg nell’ ultimo Rapporto sulla stampa in Italia presentato ieri a Roma, contestando quei commentatori (fra cui molti giornalisti) che attribuiscono […]
  • Pace Lungi da noi provare anche solo appena un pò a mettere le mani nella questione mondiale più intricata del momento. Ci riferiamo alla disgraziata aggressione russa ad un paese indipendente […]
  • Risolvere il problema nascosto del giornalismo Le metriche sulle quali sudiamo, delle quali discutiamo e soprattutto sulle quali è basato il modello di business attuale (e per sempre?) dell'editoria, in realtà non forniscono […]

I commenti sono chiusi.