La struttura dei costi paralizza l’ industria dei quotidiani

| 12 Luglio 2009 |

costi Un Rapporto del Moody’s Investors Service sui giornali Usa – Solo il 14% dei costi va alla produzione dei contenuti, mentre il 70% viene assorbito da stampa, distribuzione e struttura aziendale

———-

La natura della struttura dei costi dell’ industria dei giornali sta provocando le attuali sofferenze del settore,  che richiede invece una profonda trasformazione per ridurre i costi fissi e spostare all’ esterno la stampa. Sono i risultati di una analisi di Moody’s Investors Service, citata da Sfnblog.

La struttura dei costi attuale – spiega Sfnblog – vede mediamente il 14% dedicato alla creazione dei contenuti, il 16% alla vendita della pubblicità, mentre tutto il restante 70%  va a stampa, distribuzione e mantenimento della struttura aziendale. Moody’s vede in questo squilibrio la causa della mancanza di flessibilità del settore.    

"Questa situazione è una eredità dell’ integrazione verticale fra il momento della creazione dei contenuti e la produzione e distribuzione dei giornali’’, ha spiegato John Puchalla, vicepresidente di Moody’s  e senior newspaper analyst, secondo un articolo del CoStar Group.

Tra l’ altro, mentre i ricavi pubblicitari continuano a calare, la crescita dei costi di stampa sta creando dei grossi problemi di liquidità per i giornali.

‘’I giornali devono invece rovesciare questa strategia di integrazione verticale sostituendola con una collaborazione industriale incrociata e attraverso un outsourcing dei processi di produzione e di distribuzione dei giornali’’, ha proseguito Puchalla. "Anche se i giornali possono perdere qualcosa in termini di controllo sui tempi e i processi di stampa, avrebbero a disposizione grosse risorse da investire in contenuti e tecnologie’’.

Puchalla ha aggiunto di ritenere imminenti nuove chiusure e ricapitalizzazioni se i quotidiani non riusciranno a monetizzare meglio i contenuti digitali e a tagliare i costi strutturali per competere con la crescente concorrenza nell’ industria delle notizie.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Libération prova a diventare gratuito (per un giorno) Operazione riconquista dei lettori perduti. La tenta Libération venerdì prossimo, distribuendo gratuitamente la sua intera tiratura in tutte le edicole della Francia. Il numero sarà […]
  • L’UE annuncia una consultazione su libertà e pluralismo dei media L’Associazione dei Giornalisti Europei (AEJ) accoglie con favore l’annuncio odierno (22 marzo) del Commissario Neelie Kroes, vice presidente della CE e responsabile per l’Agenda Digitale […]
  • Viva la stampa morta e viva Abbiamo questa raccolta di articoli del nostro passato sui cui riflettere e poi ricominciare a pensare e poi dopo riflettere un'altra volta. Scherzi a parte, questa settimana facciamo una […]
  • Google News diventa glocale Basta inserire un nome di città, un indirizzo o addirittura un codice postale per trovare le notizie locali relative a quei parametri o quello che nel mondo si è scritto su quelle […]
  • I-reporter e cyber inviati In piena sintonia con le dinamiche emerse più di una volta (e descritte sotto) al Festival di Perugia, e soprattutto al MediaCamp conclusivo, sabato scorso l'inserto D-donna de 'la […]

I commenti sono chiusi.