Un progetto per il giornalismo investigativo locale

| 15 Novembre 2008 | Tag:, ,

out-411.jpg HelpMeInvestigate.com, di Paul Bradshaw, punta a “destrutturare e demistificare il giornalismo investigativo, rendendolo accessibile a tutti i normali cittadini” – E’ uno dei 446 progetti che quest’ anno sono in gara al Knight News Challenge per l’ assegnazione di 5 milioni di dollari

———-

Destrutturare e demistificare il giornalismo investigativo, rendendolo accessibile a tutti quei normali cittadini che avvertono come la loro voce non sia ascoltata e i loro interessi o le loro comunità non siano seguite in maniera sufficiente dai media ufficiali. E’ questo il principale obbiettivo di HelpMeInvestigate , un progetto che Paul Bradshaw, noto giornalista britannico, ha presentato al Knight News Challenge di quest’ anno (vedi Lsdi, Un archivio per i documenti a rischio di oblio), chiedendo un finanziamento di 452.000 dollari.

La piattaforma prevista dal progetto di HelpMeInvestigate.com, comunque, è mirata non solo ai cittadini, ma anche ai giornalisti professionali, che non riescono ad avere abbastanza risorse per impegnarsi in ricerche e inchieste approfondite, anche a livello locale.

Bradshaw sottolinea che la sua iniziativa è diversa da Spot.us, il sito che ha ottenuto uno dei finanziamenti del Knight News Challenge dell’ anno scorso (vedi Lsdi, Giornalismo investigativo, un esperimento di nuova committenza). Mentre Spot.us è concepito soprattutto in vista della raccolta di soldi da parte dei cittadini interessati, HMI, invece, punta soprattutto a raccogliere persone disponibili a “regalare” il loro tempo.

Spot.Us si sviluppa su una singola inchiesta ed è rigidamente guidato da giornalisti, mentre il progetto di Bradshaw prevede spazio per tentativi diversificati offrendo così delle chances che possono venire solo da un ventaglio ampio di possibilità.

“Il web permette di avere degli insuccessi senza dover perdere niente e questa è anzi una delle sostanze di cui esso è fatto. Uno dei nostri obbiettivi è che le persone usino il sito in diverse maniere in modo da rendersi conto di che cosa funziona e cosa no”, ha aggiunto Bradshaw.

Quest’ anno sono 446 i progetti che partecipano al Knight News Challenge, che ha a disposizione 5  milioni di dollari da assegnare per i progetti di informazione online ritenuti più innovativi.
  
(da Journalism.co.uk )

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • You reporter non abita più qui Qualche settimana fa al termine di un articolo dedicato alla televisione dentro l'era digitale,  ci domandavamo alcune cose. Ve le riepiloghiamo in sintesi per completezza […]
  • Il giornalismo torna a fare notizia Quando il giornalismo torna a svolgere la propria funzione, quando appassiona e informa, quando fa crescere la curiosità e avvicina mondi e persone diverse, quando si annulla […]
  • Il giornalismo delle persone e quello delle redazioni Proseguiamo nel lavoro d'esplorazione dell'archivio di Lsdi che abbiamo iniziato alcune settimane fa per riportare alla luce alcuni degli articoli pubblicati su questo blog nei suoi primi […]
  • Cosa intendi per domenica Non se ne avrà per male l'autrice - speriamo - se abbiamo preso in prestito il titolo di un suo libro per dare un nome al post odierno. Simona Bencivelli, che del libro è stata ideatrice e […]
  • Primi sui dati Ci sono cose di cui andiamo molto fieri. Quella di precorrere, spesso, i tempi, è certamente una di queste. In particolare oggi, vorremmo occuparci di dati e giornalismo dei dati. Uno di […]

I commenti sono chiusi.