Twitter, la consacrazione letteraria

| 9 Settembre 2008 | Tag:

out-124.jpg Un giornalista e blogger del New York Times, Matt Richtel, sta scrivendo e pubblicando via Twitter un thriller (ne è venuto fuori il termine “twiller”) e in Giappone 5 dei primi best-seller dell’ anno scorso sono stati diffusi tramite cellulare

———

La consacrazione di Twitter come nuovo strumento di racconto (letterario ma anche giornalistico) viene dagli Usa dove un giornalista e blogger del New York Times,  Matt Richtel, sta scrivendo e pubblicando via Twitter un thriller sull’ uccisione di una prostituta.

La storia – spiegava  un articolo su le post.fr, un sito online del gruppo leMonde – viene raccontata seguendo il punto di vista di un’ amica della vittima e del supposto assassino, che si risveglia in preda a una amnesia in un luogo che non riconosce e con la sola compagnia di un cellulare connesso a Twitter, con cui va alla ricerca della verità.

Alcuni autori – commenta Francis Pisani, un giornalista di leMonde  sul suo blog – cominciano ad appassionarsi alla letteratura scritta sui cellulari attraverso brevi messaggi. E Twitter – dove ogni messaggio non può andare oltre le 140 battute – consente di diffonderli e di scriverli anche sul web. A condizione di rispettare le misure limite.

Cinque dei maggiori best-seller giapponesi dell’ anno scorso – ricorda Pisani – sono stati  scritti sul cellulare – ed ora ci provano anche gli americani. Sarah Perez ne stila una lista sul sito Read/Write Web. Ed è un buon punto di partenza,  aggiunge Pisani.

Il genere di Richtel ha già un nome, “Twiller” (thriller su twitter) , e l’  autore ne parla qui .

Ma, nota ancora Pisani, non ci sono solo Giappone e Stati Uniti.

Carlos Seabra, un brasiliano, sta pubblicando – in brasiliano ovviamente –  poesie erotiche e  micro-racconti .

     Dalla lettura al giornalismo il passo è sempre stato breve: e comunque Twitter comincia già ad avere qualche applicazione, anche se timida (vedi Lsdi, Twitter, come può essere utile ai giornali).

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Il contesto La riflessione di questa settimana arriva al termine della lettura di un articolo pubblicato sul sito "scenari italiani" in cui si parla di Elon Musk, di Twitter, e delle decisioni del […]
  • Buttare il bambino con l’acqua sporca Settimana densa, quella appena trascorsa. Densa di notizie, avvenimenti, fatti e azioni, alcune delle quali discutibili. E proprio perchè discutibili proviamo a discuterne, per non perdere […]
  • L’uccellino del Presidente Nessun titolo allusivo, nessuna Patata o peggio, nessuna allusione pecoreccia, solo una boutade per provare a raccontarVi dopo faccialibro le clausole del contratto che ci lega a twitter […]
  • Social Media Reporter per Giovanisì! Scade 15 maggio 2019 Giovanisì Vi offre l’opportunità di svolgere l'attività di social media reporter durante gli eventi del progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.  Candidati alla nuova […]
  • Sbagli epici e loro conseguenze Social Media Fail Marketing: quando l’orrore corre sul like. Althea, Algida, American Airlines, Melegatti, Barilla ma non solo. Dalle cicciottelle alla Brexit, cos’è che fa davvero […]

I commenti sono chiusi.