La news letter della Voce del 9 novembre è in gran parte dedicata alla concentrazione dei media

| 11 Novembre 2004 |

“Nonostante lo sviluppo di nuovi mezzi di comunicazione, la concentrazione nei media resta diffusa. Non solo da noi. Aumentano i costi, e la concorrenza ammette solo pochi “vincitori”. E i media diventano uno strumento di pressione e propaganda politica.
Se non basta il mercato a garantire il pluralismo, occorre limitare il numero di licenze in capo a uno stesso operatore.
E non buttiamo via la norma sulla par condicio: la deregolamentazione in un mercato molto concentrato può generare gravi squilibri. Anche la concentrazione per la stampa quotidiana è più elevata di quanto potrebbe apparire: su scala locale abbiamo molti monopolisti. E nella carta stampata esistono perfino meno strumenti per frenare la concentrazione. Anche qui occorre pensare almeno in campagna elettorale a una regolazione diretta, secondo criteri di par condicio.

Vai alla news letter della Voce

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • Un blog iperlocale diventa un settimanale di carta Un nuovo caso di migrazione dal web alla carta. Questa volta in UK, dove un blogger, Paul Smith, ha trasformato il suo blog in un settimanale su carta a pagamento. Si tratta di […]
  • IFEX: ULTIME DAL MONDO Bangladesh: militanti islamisti attaccano i giornalisti - Cambogia, cresce la repressione delle critiche al governo – Istituito ad Amman un fondo d’ urgenza per scrittori e giornalisti - […]
  • L’ Economist, il successo dell’ indipendenza La vicenda Unità/Angelucci riporta d’ attualità il tema dell’ indipendenza editoriale e l’ esigenza, mai accettata seriamente dall’ impresa del […]
  • Uno, due, ma soprattutto ics In epoca oramai remota, parliamo di tre anni fa, e con intenti non  sospetti, abbiamo parlato su queste colonne di un fenomeno da noi rilevato allora, e che oggi è contiguo, a nostro […]
  • Nove nuovi mestieri nella Rete Gestione delle comunità, gestione della produzione dei contenuti, osservazione e controllo delle reti sociali, architettura delle reti, gestione e pianificazione dei social media, ecc. […]

I commenti sono chiusi.