internet

Salviamo internet

25 giugno 2018 Tag:, , , , , , , , , , , ,
Buongiorno, o buon pomeriggio o ancora buonasera, a seconda di quando vi accingerete a leggere queste mie righe. Mi chiamo Marco Renzi, sono un giornalista, da alcuni anni scrivo su questo blog e da poco meno di tre anni sono anche presidente dell'Associazione Libertà di Stampa Diritto all'Informazione (Lsdi) che di questo blog è editore da quasi quindici anni e da sette realizza il festival sul giornalismo digitale "digit". Perdonate l'uscita a gamba tesa e la presa di posizione personale ma la materia del contendere è così spinosa e volgare - intesa proprio come lurida -  dal costringermi a sperare di essere querelato e forse  processato e poi ancora imprigionato, insomma in poche parole spero di essere martirizzato, di servire da esempio per impedire lo scempio che quattro o quaranta o quattrocento politici di vari paesi europei stanno per compiere contro la   "libertà di stampa" o meglio ancora contro la  "libertà" di tutti noi affossando "la rete" con un solo pesante manrovescio legislativo ben assestato.     Questo il testo integrale  dell' Articolo 13 - della  nuova legge europea sul diritto d'autore nel mercato unico digitale - quello più assurdo e riprovevole,

#digitRoma Contenuti, qualità, finanziamenti

26 gennaio 2018 Tag:, , , , , , , ,

Smart society in Smart cities #digit16

5 ottobre 2016 Tag:, , , , , , , , , , ,

smartsocietyLa cultura digitale deve andare di pari passo con l’evoluzione tecnologica non sono sufficienti le abilitazioni tecnologiche e quelle legislative per avviare il cambiamento, ma contano gli aspetti sociali, culturali e organizzativi. Ecco perché, quello  delle Smart City e Smart Society, non è un tema da affrontare soltanto da un punto di vista tecnologico/legislativo, ma anche ripensando le organizzazioni come sistemi sociali aperti in cui le persone abbiano un ruolo costantemente cooperativo e collaborativo. Partendo proprio da questioni di ordine sociologico, individuando la necessità di percorsi di cooperazione per la gestione del Bene Comune, il workshop sarà occasione di approfondimento di e formulazione di ipotesi di lavoro su una materia tanto interessante quanto complessa. (altro…)

Le conversazioni sono notizie #digit16

12 settembre 2016 Tag:, , , , , , , , ,
digitLa prima notizia è che il 21 e 22 ottobre si terrà a Prato presso la sede della Camera di Commercio la quinta edizione di digit, il festival del giornalismo digitale, ideato, organizzato e realizzato da noi di Lsdi. La seconda notizia da appuntarsi - o anche no -  è che anche quest'anno tutti gli eventi del festival erogheranno crediti formativi per i giornalisti, e che, come accaduto già lo scorso anno, gli eventi avranno anche finalità formative per gli studenti delle università che parteciperanno alla manifestazione. Confermata la presenza dell'ateneo di Perugia, new entry le università di Firenze e di Urbino. Le prenotazioni, obbligatorie per i giornalisti che vogliano  iscriversi ai wrkshp, ai panel e "novità assoluta di quest'edizione" ai tavoli di lavoro di digit16, sono aperte dal 10 settembre e continueranno fino al 19 ottobre sulla piattaforma telematica dell'Ordine dei giornalisti: Sigef. L'evento congressuale sarà, come sempre, gratuito e aperto a tutti. Nei giorni della manifestazione sarà possibile accreditarsi, per i non giornalisti e anche per i giornalisti ritardatari che non fossero riusciti a prenotare su Sigef, presso la

Complimenti per la trasmissione

5 settembre 2016 Tag:, , , , , , , , , , , , ,
complimentiParafrasando un vecchio detto "televisivo" la Rai riscopre improvvisamente la propria vocazione e sfoggia finalmente un programma ad uso e consumo delle persone per avvicinare il mondo intero alla rivoluzione digitale. In onda in preserale sul primo canale Rai dall'11 luglio e poi in replica in orari diversi   sugli altri canali tv del servizio pubblico   "complimenti per la connessione " ha spiegato e raccontato a tutti noi in modo serio e faceto assieme la cultura digitale, i nuovi strumenti per comunicare e le basi del cambiamento culturale profondo di cui siamo tutti protagonisti, anche a nostra insaputa, da più di ventanni. Usando un format inconsueto e con l'aiuto di alcuni notissimi personaggi della fiction più amata dagli italiani "Don Matteo", gli autori del programma, una produzione Lux Vide,  realizzando una sorta di spin off della celebrata fiction ambientata in Umbria, sono riusciti nel tutt'altro che scontato compito di alfabetizzare e nello stesso tempo divertire i telespettatori raccontando loro i rudimenti di base del mondo digitale. (altro…)